Home / Maternità / Anche Sanremo festeggia la Giornata Internazionale dell’Ostetrica
Anche Sanremo festeggia la Giornata Internazionale dell'Ostetrica

Anche Sanremo festeggia la Giornata Internazionale dell’Ostetrica

Sanremo. Il 4 maggio in via Matteotti, dalle 10 alle 13, le ostetriche invitano tutte le donne, le coppie con i loro bambini e l’intera popolazione locale a festeggiare insieme questa giornata.

Durante la giornata ci saranno diverse attività, tra cui: #miprendocuradite, cosa vorresti ricevere dall’ostetrica? Ci sarà un cartellone dove i cittadini potranno dire la loro su quali sono i diritti di donne, coppie, neonati in ambito ostetrico e ginecologico. Ci saranno momenti di condivisione e una piccola merenda. Alle donne, che l’ostetrica, nel suo ruolo, accompagna in tutte le fasi della vita, verranno donate delle rose.

#ostetricheperledonnepiuchemai
#IDM2019
#OstetricheInDifesadeiDirittidelleDonne

Sono gli slogan che faranno da filo conduttore per gli eventi dal 3 maggio al 25 maggio in diverse parti d’Italia e le ostetriche incontreranno donne, madri e famiglie, in occasione della Giornata Internazionale dell’Ostetrica.

In tutto il Mondo, il 5 maggio le ostetriche festeggiano il fatto di essere ostetriche. La professione ostetrica è una professione autonoma. Le ostetriche seguono le donne dalla pubertà alla menopausa, ma pochi sanno chi è l’ostetrica. Pochi sanno che si va dal medico quando si è ammalati (dal ginecologo), ma che si va dall’ostetrica per gravidanza e parto, perché sia la gravidanza che il parto, se non ci sono complicazioni, non sono malattia, ma espressione di salute. Così come si va dall’ostetrica per il pap-test, l’educazione sessuale, la contraccezione, ecc… «E così abbiamo deciso di “festeggiare” questa giornata in Italia, in modo diverso, rispetto agli altri Paesi, non tra ostetriche, ma aprendo gli eventi a tutta la popolazione, proprio per dire che l’ostetrica c’è, ha un ruolo fondamentale nella salute della donna. Donna che ha il pieno diritto di essere informata in modo da poter fare scelte consapevoli, rispetto alla propria salute.

Tutti i giorni ascoltiamo racconti di diritti definiti ma non rispettati, di diritti negati col falso pretesto, viste le raccomandazioni internazionali, di aumentare la ‘sicurezza’ per madre e bambino. Troppo spesso vengono negati alle donne diritti come: essere libere di muoversi in travaglio, avere accanto le persone scelte, poter bere e mangiare in travaglio, il rispetto dei tempi individuali di donna e bambino, poter partorire normalmente dopo cesareo/i (VBAC), poter stare con il proprio figlio appena nato, nelle prime ore, senza interferenze, poter allattare trovando sostegno.

Lo stesso diritto di poter scegliere, dopo essere state informate correttamente, non è sempre garantito. Le ostetriche sono con le Donne, in difesa dei loro diritti, perchè possano essere più potenti e determinanti, in un contesto fortemente medicalizzato e medico-gestito. Perchè, ricordiamoci, la medicalizzazione, deve essere posta in atto solo se necessario, dove c’è patologia, non dove c’è salute. Medicalizzare inutilmente, anche e solo con visite non necessarie, non porta più salute.

Riteniamo l’assunzione di ostetriche in tutti i loro ambiti di competenza (ambulatori, reparti di ostetricia/ginecologia, nidi e quindi non solo in sala parto….) semplicemente fondamentale e necessaria per una corretta e migliore gestione di gravidanza, travaglio, parto, allattamento e puerperio, ma non solo. Dall’infanzia attraverso l’adolescenza, la vita adulta e fino alla menopausa, l’ostetrica è parte integrante del percorso di salute nella vita di una Donna ed è un diritto delle Donne ottenere una corretta assistenza, proprio per una migliore qualità della loro stessa salute».

L’evento sarà diverso da città e città, ma sempre sarà centrale la figura dell’ostetrica, professionista autonoma, con una formazione che si basa sulla conoscenza e sull’utilizzo di evidenze scientifiche, che consentono di garantire un’assistenza di qualità e che tutti avranno modo, così, di conoscere e comprendere.

Leggi Anche

Viterbo, all'Ostetricia e ginecologia di Belcolle anche il papà in stanza 24 ore su 24 con neonato e mamma

Viterbo, all’Ostetricia e ginecologia di Belcolle anche il papà in stanza 24 ore su 24 con neonato e mamma

Segui Segui Non seguire più Nei giorni scorsi, presso l’unità operativa di Ostetricia e ginecologia …