Home / Benessere / Anoressia a 50 anni? Sì, succede e guarire è più difficile
Anoressia a 50 anni? Sì, succede e guarire è più difficile

Anoressia a 50 anni? Sì, succede e guarire è più difficile

Un problema da adolescenti o poco più: nell’immaginario collettivo, l’anoressia è una malattia che non riguarda gli adulti. A guardare il viso smagrito di Celine Dion, le gambe scheletriche di Angelina Jolie o le braccia filiformi di Demi Moore però non sembra proprio sia così. E lo conferma Stefano Erzegovesi, psichiatra e nutrizionista, responsabile del Centro per i Disturbi Alimentari dell’Ospedale San Raffaele di Milano: «I disturbi alimentari non sono esclusivi delle giovani o giovanissime, fra le over 40 i casi sono più rari ma esistono: su cento pazienti che arrivano da noi, le ‘attempate’ sono circa l’1 per cento. Si tratta però quasi sempre di pazienti che sono state anoressiche in passato e non hanno mai superato del tutto il loro problema: chi guarisce davvero ‘spegne’ anche l’ossessione per il cibo e non ci ricasca».

Celine Dion, Angelina Jolie, Demi Moore, quando la magrezza preoccupa i fan

Alle soglie della menopausa il disturbo alimentare più diffuso è proprio l’anoressia, mentre la bulimia è assai meno frequente; quasi sempre chi in questo periodo comincia a mangiare sempre di meno e a contare le calorie (magari con la scusa di contrastare la tendenza all’ingrasso da carenza di estrogeni post-menopausa) è un’anoressica ‘di ritorno’ che anche dopo essere uscita dal tunnel della magrezza eccessiva ha mantenuto qualche difficoltà nel rapporto con il cibo, per esempio è rimasta un po’ fissata con la dieta, è un’iper-salutista oppure addirittura un’ortoressica, che non mangia nulla se non è certa sia più che sano. Spiega Erzegovesi: «Bisogna aver provato in adolescenza o da giovani l’effetto ‘drogante’ del digiuno per ricaderci. Di solito l’elemento scatenante che fa tornare la malattia è una crisi personale o un momento difficile di qualunque genere: un licenziamento, un lutto, un divorzio. Anche per questo nell’adulto sono più spesso presenti sintomi come ansia o depressione». Accanto a questi, i classici segni di un’anoressia restano un indice di massa corporea inferiore a 18,5 (è il rapporto fra il peso in chili e il quadrato dell’altezza in metri), soprattutto se è calato in maniera evidente in poco tempo, la perdita del ciclo mestruale se ancora era presente e parametri sballati negli esami del sangue e delle urine.

Il vero guaio è che a quaranta o cinquant’anni guarire è più difficile: lasciare tutto per ricoverarsi in una struttura specializzata può essere quasi impossibile, se si ha un lavoro e una famiglia, ma soprattutto la richiesta di aiuto è meno reale di quanto possa sembrare. «Apparentemente una donna adulta è più collaborante e sembra volerne uscire per davvero, ma in realtà non è quasi mai così. Le adolescenti percepiscono molto bene quando sono arrivate al limite, quando il corpo è a rischio; le donne mature apparentemente lo comprendono, ma poi la motivazione a cambiare è assai meno profonda perché la personalità è molto più strutturata rispetto a quella di una ragazza. A cinquant’anni si è meno malleabili e si ha meno voglia di affidarsi all’altro per la cura: la richiesta di aiuto è più apparente che realmente sentita», sottolinea l’esperto. Il risultato è che più spesso servono i farmaci, più spesso è difficile (se non impossibile) uscirne per davvero, una volta per tutte. «Purtroppo anche il rischio di un esito fatale è maggiore, perché le riserve vitali di una donna matura sono molto inferiori: una ragazzina ha maggiori energie, può tirare di più la corda senza conseguenze irreversibili. Nelle cinquantenni basta molto poco per rischiare la vita», conclude Erzegovesi.

Leggi Anche

Proteine per sport leggero? Ecco svelata l’assunzione corretta per praticanti non agonistici

Proteine per sport leggero? Ecco svelata l’assunzione corretta per praticanti non agonistici

Non tutti sanno che le proteine sono una parte essenziale per il benessere del corpo. …