All posts in Cinema

Vado a scuola: il Grande Giorno: rivelate due clip dal film di Pascal …

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Vado a scuola: il Grande Giorno: rivelate due clip dal film di Pascal …

Sono state rivelate due clip del film Il Grande Giorno, di Pascal Plisson. Il Film uscirà è in sala dal 13 Ottobre distribuito da AcademyTwo. Di seguito la sinossi ufficiale:

Dall’Avana a Patna, da Ulan Bator fino al Parco Nazionale Queen Elizabeth in Uganda, Il Grande Giorno è un’appassionante ed eccitante avventura dell’animo umano. Dopo il grande successo di Vado a scuola (2013), Pascal Plisson torna a raccontare i sogni e le speranze attraverso le storie dei quattro giovani protagonisti de Il grande giorno, provenienti dai più disparati angoli del mondo. Per mesi, addirittura per anni, i quattro protagonisti del film attendono questo giorno speciale che cambierà le loro vite per sempre.

I nostri quattro eroi affronteranno la prova che determinerà non solo il loro destino ma anche quello delle loro famiglie. Alla fine dopo tanto impegno e perseveranza il sogno sta per avverarsi.

Vado a scuola: il grande giorno: rivelate due clip

Ognuno di questi ragazzi affronta un cammino di maturità: con impegno, devozione e responsabilità dimostrano di essere in grado, più degli adulti, di migliorare la società. Non è il loro talento a predominare, ma il rispetto constante che nutrono verso i loro genitori e insegnanti e la capacità di sacrificare lo svago per raggiungere i loro obiettivi. Con umiltà procedono passo dopo passo e se cadono si rimettono in piedi.

Lo stesso regista ci dice:

“Sono autentici, fieri, profondamente veri. Ho un grandissimo rispetto per loro. Non hanno quasi niente e danno tutto in cambio, senza mai lamentarsi, anche quando la vita è dura. Dovrebbero essere di esempio per tutti”.

Le loro paure, coraggio e fede, vengono restituite allo spettatore attraverso la struttura documentaristica, seguiamo i ragazzi dal risveglio, ai pasti in famiglia fino agli allenamenti e ai momenti di riflessione. CONTINUA A LEGGERE LA NOSTRA RECENSIONE

Billy Lynn: Un giorno da eroe – Le innovazioni del film di Ang Lee …

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Billy Lynn: Un giorno da eroe – Le innovazioni del film di Ang Lee …

GUARDA ANCHE: Il teaser trailer di Billy Lynn’s Long Halftime Walk

È noto che Billy Lynn: Un giorno da eroe, il nuovo film di Ang Lee, è stato concepito per garantire un’esperienza cinematografica innovativa e totalmente immersiva: il direttore della fotografia John Toll (Braveheart, La sottile linea rossa) lo ha infatti girato in 3D nativo, digitale 4K (ovvero in Ultra HD, circa quattromila pixel orizzontali di risoluzione) e 120 fotogrammi al secondo, scelta rivoluzionaria in un’industria che – se si escludono i 48fps de Lo Hobbit – è ancora saldamente ancorata alla consuetudine di girare i film a 24fps.

Ebbene, la nuova featurette ci porta dietro le quinte del film, dove il regista, i produttori e alcuni membri del cast si soffermano sulle innovazioni sopracitate, che permetteranno agli spettatori di “entrare” nella storia e assumere il punto di vista di Billy (Joe Alwyn). Sarà molto interessante verificare il risultato di questo approccio tecnico-creativo.

Potrete vedere la featurette qui di seguito:

Billy Lynn: Un giorno da eroe (in originale Billy Lynn’s Long Halftime Walk) è l’adattamento del romanzo di Ben Fountain, e il cast comprende Vin Diesel, Kristen Stewart, Garrett Hedlund, Steve Martin, Ben Platt, Chris Tucker e l’esordiente Joe Alwyn. Eccone la trama:

Il film è narrato dal punto di vista del soldato diciannovenne Billy Lynn (Joe Alwyn), che, insieme ai suoi commilitoni della Squadra Bravo, è stato accolto come un eroe e riportato a casa per un tour celebrativo dopo una straziante battaglia in Iraq. Attraverso alcuni flashback, che culminano nello spettacolare show di metà gara durante la partita di football del Giorno del Ringraziamento, il film rivela ciò che accadde realmente alla squadra, opponendo la verità del conflitto iracheno ai festeggiamenti che si svolgono a casa.

Fonte: Collider

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

CLICCATE SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI BILLY LYNN: UN GIORNO DA EROE!

7 CHILI IN 7 GIORNI/ Su Iris il film con Carlo Verdone e Renato …

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su 7 CHILI IN 7 GIORNI/ Su Iris il film con Carlo Verdone e Renato …

<!– –>

7 CHILI IN 7 GIORNI, IL FILM IN ONDA SU IRIS OGGI, 15 OTTOBRE 2016: IL CAST – 7 chili in 7 giorni è il film in onda su Iris oggi, sabato 15 ottobre 2016 alle ore 21.00. Una divertente e celebre commedia italiana prodotta nel 1986, a partire da un’idea del popolare regista e attore romano Carlo Verdone. Sapendo che suo fratello Luca desiderava diventare regista cinematografico, scrisse questo soggetto, affidandogli la direzione del progetto. 7 chili in 7 giorni è infatti, il film d’esordio del regista e con ogni probabilità, anche la sua opera più famosa. Per quanto riguarda il cast, Carlo ha riservato per sé il ruolo del protagonista, al suo fianco recita l’amico di sempre Renato Pozzetto, all’epoca uno degli attori di punta della commedia leggera italiana. Altri attori che è bene citare per il loro significativo ruolo sono Silvia Annichiarico, nota attrice e conduttrice radiofonica, Elena Fabrizi, meglio conosciuta con il nome di sora Lella, e Fides Stagni, artista milanese cara a registi del calibro di Pier Paolo Pasolini e di Federico Fellini. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

7 CHILI IN 7 GIORNI, LA TRAMA – Il film ha inizio nella Roma del 1977, Alfio Tamburini (Carlo Verdone) è un giovane fuori-corso che con grande fatica riesce a laurearsi in medicina. La gioia di aver raggiunto l’ambito traguardo lo porta ad esagerare con i festeggiamenti ed inzuppa con un improprio fiotto di champagne il suo collega Silvano Baracchi (Renato Pozzetto), in procinto di accedere alla discussione della sua tesi. Quando quest’ultimo entra, però, la commissione esaminatrice non è affatto soddisfatta del suo elaborato. I docenti ritengono che il documento sia stato scritto con i piedi e che Baracchi debba decidere se preferisce laurearsi subito con il minimo dei voti o se, invece, ritiene più opportuno ritirarsi e tornare l’anno successivo presentando una tesi degna di questo nome. Il pessimo studente contratta e riesce a spuntarla con un voto leggermente migliore di quello che gli era stato offerto in un primo momento. Passa il tempo, Alfio è diventato titolare di un centro estetico privato. Un giorno, Silvano si presenta nel suo studio in qualità di rappresentante di una ditta di creme cosmetiche. I due bisticciano fin da subito e sembra evidente che la loro collaborazione sia destinata a morire sul nascere, quando si riconoscono per essere vecchi compagni di università, però, non possono che riabbracciarsi contenti di aver ritrovato un vecchio amico. I due si raccontano come hanno passato gli ultimi anni, entrambi devono riconoscere di non essere affatto soddisfatti della piega che ha preso la loro esistenza. Tamburini, però, è talmente preso dal chiacchierare con il suo amico che si dimentica all’interno della sauna uno dei suoi pazienti, parlamentare di professione, si precipita ad aprirgli, ma l’uomo non dà segno di vita. Per non incorrere in problemi con la legge, Alfio si lascia convincere da Silvano ad occultare il cadavere. Affida il compito al suo amico e ad un suo losco conoscente, i due portano l’onorevole in una zona periferica e qui si accorgono che l’uomo non è affatto morto. Con grande prontezza riescono a convincerlo che si è trattata di un’amnesia inspiegabile. I due amici si ritrovano per festeggiare lo scampato pericolo e decidono di cambiare le loro vite una volta per tutto, il miglior modo per far fruttare la loro laurea e per riuscire ad abbandonare per sempre i lavori di ripiego in cui si sono trovati invischiati è di usare la lussuosa villa appartenente alla moglie di Alfio per dare vita ad un’ambiziosa clinica rivolta alle numerose persone che hanno problemi di peso.

© Riproduzione Riservata.
<!– –>

Le commedie italiane anni ’90 su Netflix! 8 film da vedere

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Le commedie italiane anni ’90 su Netflix! 8 film da vedere

14 Ottobre 2016 | 11:45 di
Marianna Ninni

Film d’animazione, drammi strappalacrime, commedie politicamente scorrette, commedie più sofisticate, film romantici e biopic e un’immensa quantità di serie televisive: Netflix ne ha davvero per tutti i gusti e non smette mai di aggiornare il suo catalogo in streaming con nuovi film in arrivo per soddisfare le aspettative degli spettatore.

Era quindi solo questione di tempo prima che la piattaforma dedicasse uno spazio alle commedie italiane degli anni ’90 per proporre a tutti i nostaglici una serie di film molto amati dai fan.

Dalle pellicole più comiche, diventate ormai dei veri e propri cult grazie a interpreti passati alla storia come Jerry Calà, a quelle d’autore, come Mediterraneo di Salvatores.

Netflix omaggia l’Italia con le diverse forme di cinema “leggero” di quegli anni, attarverso alcuni fra i tanti film degli indimenticabili anni ’90, disponibili sulla piattaforma a partire dal 15 ottobre.

Logan – Nuovi dettagli su due personaggi chiave del film

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Logan – Nuovi dettagli su due personaggi chiave del film

LEGGI ANCHE: Logan – Una nuova foto svela il villain del film

Altri due ruoli chiave del film Logan, il terzo capitolo degli spin-off dedicati a Wolverine, sono stati svelati dal sito The Wrap. Ricordate la piccola mano di un bambino che si vede nel primo poster ufficiale, svelato la settimana scorsa? Secondo delle fonte interne informate sul film, si tratta di una bambina mutante come avevamo ipotizzato grazie alle prime foto dal set.

Scopriamo che:
-Nel 2004 la nascita dei mutanti ha cominciato a declinare considerevolmente, per motivi sconosciuti.
-Un’agenzia governativa ha lanciato l’operazione Transigen, che prevede la trasformazione dei bambini mutanti, in macchine da guerra
-Logan diventa il mentore della bambina, che ha due artigli

La mutante è interpretata da Sienna Novikov, il suo personaggio di chiama Laura. Chi segue i fumetti di Wolverine avrà già capito che stiamo parlando di Laura Kinney ovvero X-23, come era stato vociferato da tempo.

Richard E. Grant interpreta invece il dottor Zander Rice, lo scienziato dietro al progetto Transigen. Nei fumetti Rice era il chirurgo a capo del progetto che ha portato alla creazione di X-23. Suo padre Dale Rice aveva lavorato all’originale Weapon X Project dove è stato ucciso da Wolverine mentre stava fuggendo con una valigetta piena di informazioni sul progetto.

Potenziali novità anche per Mr. Sinister, secondo una fonte interna il mutante non comparirà in Logan, ma questa notizia non preclude una sua potenziale apparizione nella scena dopo i titoli di coda.

logan-motel

LEGGI ANCHE:

Hugh Jackman svela il titolo di Wolverine 3, ecco il primo poster

Bryan Singer conferma Sinistro in Wolverine 3

Hugh Jackman e Patrick Stewart nelle foto dal set di Wolverine 3

Svelati gli antagonisti di Wolverine 3?

X-23 potrebbe comparire in Wolverine 3

Wolverine 3 è sempre stato pensato per essere R-rated

James Mangold dirige il film su sceneggiatura di Michael Green, mentre Patrick Stewart torna nella parte del Professor Xavier, e Boyd Holbrook interpreta uno degli antagonisti. Richard E. Grant è invece una sorta di “scienziato pazzo malvagio”; nel cast anche Stephen Merchant, Eriq La Salle ed Elise Neal. La Fox mira a una classificazione restricted (come Deadpool), quindi con divieto per i minori di 17 anni non accompagnati: ciò significa che Logan sarà più esplicito e brutale dei precedenti. La trama del film è basata su Old Man Logan di Mark Millar e Steve McNiven. È noto che sarà l’ultima interpretazione di Hugh Jackman nel ruolo del mutante artigliato.

L’uscita americana è prevista per il 3 marzo 2017, quella italiana per il 2 marzo 2017.

Fonte The Wrap

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.
ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

CLICCATE SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI LOGAN

Logan: nuovi storyboard dal film

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Logan: nuovi storyboard dal film

In attesa di un trailer, James Mangold continua a pubblicare scatti e storyboard dal prossimo film dedicato all’artigliato mutante dei fumetti della Marvel, Wolverine, che sarà titolato Logan. Potete trovare tutto comodamente in calce a questa notizia.

Secondo le voci di corridoio, nella pellicola – ambientata nel 2024 – Wolverine (che avrà il volto, nuovamente, di Hugh Jackman) è in alcolizzato ormai stanco, i cui poteri iniziano a non funzionare più bene. In suo soccorso c’è il Professor Charles Xavier (Patrick Stewart), ormai anziano e malaticcio, con i poteri instabili e che spesso ha vuoti di memoria (Non ricorda spesso chi sia Logan). Nel film verrà introdotta anche X-23.

Logan segna l’ultima prova di Jackman nel ruolo. La pellicola farà il suo debutto nei cinema di tutto il mondo a partire da marzo 2017.

Warner Bros annuncia due nuovi film per il 2019 e il 2020 …

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Warner Bros annuncia due nuovi film per il 2019 e il 2020 …

Warner Bros. ha annunciato due nuovi film, al momento senza titolo, per il 2019 e il 2020.

Il primo film è stato fissato per il 27 Settembre 2019, mentre il secondo per il 7 Febbraio 2020.

Molto probabilmente si tratterà del film di Batman e di Man Of Steel 2 dato che sono gli unici due film dell ‘universo DC Comics al momento senza data.

I prossimi film saranno Wonder Woman il 2 Giugno 2017, Justice League il 17 Novembre 2017, Aquaman il 27 Luglio 2018, The Flash  il 16 Marzo 2018,  Shazam il 5 Aprile 2019, Justice League 2 il14 Giugno 2019, Cyborg il 3 Aprile, 2020 e Green Lantern Corps il 24 Luglio 2020.

Il Grande Giorno: rivelata una nuova clip del film di Pascal Plisson

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Il Grande Giorno: rivelata una nuova clip del film di Pascal Plisson

Ecco una nuova clip del film Il Grande Giorno, nuova pellicola di Pascal Plisson. Il film uscirà nelle sale il prossimo 13 Ottobre distribuito da AcademyTwo.

Dall’Avana a Patna, da Ulan Bator fino al Parco Nazionale Queen Elizabeth in Uganda. Il GrandeGiorno è un’appassionante ed eccitante avventura dell’animo umano.

Il Grande Giorno: rivelata una nuova clip dal film di Pascal Plisson

Ecco la sinossi ufficiale del film:

Dall’Avana a Patna, da Ulan Bator fino al Parco Nazionale Queen Elizabeth in Uganda. Il Grande. Giorno è un’appassionante ed eccitante avventura dell’animo umano.

Dopo il grande successo di Vado a scuola (2013), Pascal Plisson torna a raccontare i sogni e le speranze attraverso le storie dei quattro giovani protagonisti. Questi ragazzi protagonisti de Il grande giorno provengono dai più disparati angoli del mondo. Per mesi, addirittura per anni, i quattro protagonisti del film attendono questo giorno speciale che cambierà le loro vite per sempre.

I nostri quattro eroi affronteranno la prova che determinerà non solo il loro destino, ma anche quello delle loro famiglie. Alla fine dopo tanto impegno e perseveranza il sogno sta per avverarsi.

Il Grande Giorno: ecco il poster e il trailer del film di Pascal Plisson

il grande giorno

Bridget Jones’s Baby: in libreria i nuovi Diari – VanityFair.it

Categories: Cinema
Commenti disabilitati su Bridget Jones’s Baby: in libreria i nuovi Diari – VanityFair.it

«Avere un bambino non è poi la quintessenza della vita di una donna». Quel che Bridget Jones va ripetendosi nei propri diari è un mantra cui crede poco. Della maternità e della vita perfetta, fatta di tante piccole gioie domestiche, vorrebbe conoscere più di quanto dice. Eppure, di lasciare che le preoccupazioni paranoidi dell’età si ripercuotano tragicamente sui suoi primi quarant’anni non ne ha alcuna intenzione. Così, camuffata la strizza con un broncio di simulato menefreghismo, si prepara ad affrontare un mondo che sembra osservarla con sguardo inquisitorio.

Le prime pagine di Bridget Jones’s Baby – I Diari (Rizzoli 2016, pp. 240, € 18) sembrano riportare all’ansia di anni prima. Quando l’unico cruccio della bionda stava nel non morire «grassa e sola» per essere ritrovata, tre settimane più tardi, «divorata dai cani alsaziani». Mark Darcy l’ha mollata ad un passo dall’altare. Daniel Cleaver ha sposato una modella/principessa dell’Est. E lei, Bridget Jones, ha riscoperto il piacere di un bicchiere di tropo. Il peso, però, è perfetto. La carriera va a gonfie vele. La Jones ha le stigma della stakanovista, il cui macchinone, però, non può compensare alcun vuoto amoroso né sfornare bambini con la rapidità propria delle sue amiche.


  • 1 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 2 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 3 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 4 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 5 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 6 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 7 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 8 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 9 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 10 | 11Bridget Jones’s Baby 

  • 11 | 11Bridget Jones’s Baby 




«Gli uomini sono una specie primitiva sempre più sottosviluppata», scrive lei tra le pagine del diario che, in uscita per l’Italia il 13 ottobre, ha il compito di riempire il silenzio intercorso tra il secondo e il terzo capitolo della saga britannica e di spiegare al figlio Billy come sia nato. A differenza di quanto si può pensare, Bridget Jones’s Baby – I Diari non è la copia pedissequa della sceneggiatura capitolata al cinema qualche giorno fa. È un libro a se stante, in cui di Patrick Dempsey e dei suoi miliardi statunitensi non c’è traccia alcuna.

Helen Fielding ha scritto il romanzo riunendo in uno solo volume quel che, dal 2005 al 2006, ha scritto sull’Independent con cadenza settimanale. La rubrica, ai tempi, era un modo con un altro per dare nuova sostanza alla mitica Bridget. Poi, complice anche il successo di Bridget Jones – Un Amore di Ragazzo (Rizzoli 2013, pp. 470, € 9,90), si è deciso di raccontarle tutto d’un fiato. Così che prendessero la parvenza di una storia vera, in cui Bridget, incinta di chissà chi, si crogiola nell’idea di diventare madre.

Chi sia il padre, nel libro come nel film, non è cosa certa. Potrebbe essere Darcy o potrebbe essere Cleaver. Ma non ha importanza, perché il padre, in fondo, «è solo un dettaglio». Quel che è certo, però, è che la storia bizzarra di una gravidanza «geriatrica» merita di essere letta. Per le battute e il cinismo, per l’ironia dissacrante che, nonostante gli anni, funziona (e diverte) come non fosse passato che un giorno.