Home / Shopping / Scarpe / Chiara Ferragni: «Faccio tutto col cuore, ma anche io ho momenti no»
Chiara Ferragni: «Faccio tutto col cuore, ma anche io ho momenti no»

Chiara Ferragni: «Faccio tutto col cuore, ma anche io ho momenti no»

Chiara Ferragni, l’italiana di LA, l’influencer made in Italy che ha realizzato l’Amercan Dream e che adesso, a trentun anni, ha messo su famiglia, è passata per Milano per un evento Pantene. Global ambassador del brand, anche dal vivo la social star e neo mamma, incanta, influenza, ispira ed emoziona. Proprio come fa sui social dove mostra ogni momento della sua vita. L’abbiamo vista sbattere contro la porta d’ingresso del suo flagship store il giorno dell’inaugurazione a Milano, piangere subito dopo il parto per la nascita del figlio Laone e commuoversi alle email dei suoi fan.

Top stories

La spontaneità delle sue Ig stories alternate a scatti posati per promuovere i brand che la assoldano descrivono il suo mondo così coinvolgente e impregnato di glitz e bellezza.

Chiara, dall’aspetto Barbie like, un metro e settantasette con tanto di tacco dodici, onde glossate e morbide tra le più invidiate del social stystem, al talk Pantene con la stampa italiana ha parlato dei suoi capelli, del suo lavoro e della forza intesa come bellezza, in occasione della presentazione della nuova campagna del brand FORZA È BELLEZZA, e dagli hashtag #startstrong #ioscelgoPantene. Qui la sua versione.

Sfoglia gallery

SULL’ALIMENTAZIONE E SUL CORPO DA MAMMA
«Devo ancora rimettermi completamente in forma, ancora non sono tornata al mio peso pre-gravidanza. Credo che l’alimentazione sia una parte molto importante della bellezza di una donna, perché aiuta ad avere la  forza per fare tutto. Mangio tanti cibi bilanciati e faccio tanta attività fisica. In passato mi adagiavo sul fatto di aver un fisico abbastanza tonico e mi allenavo poco. Ora dopo la gravidanza faccio pilates, vado in palestra, ho un personal trainer, non mi metto a dieta, ma credo nel fatto che si debbano scegliere cibi adatti al proprio stile di vita per avere l’energia giusta. Per questo la mia colazione ideale è salata e non dolce, una frittata o un avocado toast, o a volte granola e latte di mandorla, prendo tutte le mie energia della giornata da quello che mangio al mattino per iniziare con una forza diversa. In gravidanza mangiavo un po’ di tutto, soprattutto nell’ultimo mese quando sono stata messa a riposo, ero lì, ferma, e dovevo solo mangiare. Ero più conscia del mio corpo, sapevo che cresceva un’altra creatura dentro di me e pensavo a nutrirmi, non per due, ma nel miglior modo possibile, scegliendo cibi che potessero fare bene a lui e a me».

Chiara Ferragni e la sua bellezza da neo mamma

SULLA CURA DEI CAPELLI
«I mie capelli si sono trasformati grazie ai prodotti Pantene che uso da tempo. Utilizzo lo Shampoo 3 in 1 Rigenera e Protegge da 3 a 4 volte a settimana e dopo viaggi o colpi di sole mi affido solo a prodotti ristrutturanti. Anche durante la gravidanza quando erano più sfibranti e meno in forza rispetto al solito, puntavo su una routine rinforzante. Il mio vero colore è un biondo rosso, quando ho iniziato con Pantene tre anni fa il mio colore naturale era più scuro, poi ho fatto dei colpi di sole. Per mantenere sani i capelli colorati faccio tante maschere ristrutturanti. Le Ampolle rigeneranti 1 minuto di Pantene sono state life changing per me, ma lo è stato anche lo shampoo, che uso dallo scorso autunno. Avere un capello sano è fondamentale, aiuta a poter giocare in tantissimi modi possibili. Le acconciature? Sono tante quelle che mi piacciono, ho sempre tenuto ai miei capelli, ma prima che li usassi anche per la mia professione portavo perlopiù capelli sciolti o in code. Adesso posso provare tantissime acconciature e trucchi diversi coordinati. Da red carpet, per momenti da fashion week, per cover di magazine, è bello reinterpretarsi. Sono fortunata di poter fare tante esperienze diverse anche con i capelli».

Chiara Ferragni, spuntatina post parto?

SUL SUCCESSO NEL MONDO SOCIAL
«Sin da quando ho cominciato il mio percorso ho amato scattare foto e condividerle sui social. I non erano tutti positivi, ma essere determinate e fissarsi un obiettivo è stato tutto per me, non mi sono mai lasciata scoraggiare da nessuno, ho sempre deciso per conto mio. Essere forti, determinati e autentici al 100% cambia il modo in cui vedi le cose e come le affronti. E forzarsi di essere qualcuno che non sei sui social non funziona. Perché lì vince l’autenticità, l’essere originali e anche mostrare la propria forza e le proprie debolezze. Bisogna essere veri e condividere solo se ci si diverte, pensare di farlo perché si vuole che diventi il proprio lavoro è un concetto sbagliato e antitetico all’obiettivo che vuoi perseguire. Il divertimento è stata la mia forza e una delle mie chiavi per il successo. All’inizio pubblicavo foto perché mi divertivo, ero molto incuriosita da quello che pensavano le persone, ricevevo  negativi o positivi, ma erano irrilevanti, volevo vedere i feedback e volevo in qualche modo ispirare le persone. Quando viaggiavo non pubblicavo un luogo o un hotel per vantarmi di esserci stata, ma per far vedere a chi non aveva accesso a questo tipo di esperienze quante cose belle c’erano nel mondo e quindi rendere chi non poteva vederle più aware, consapevole, di tutto questo».

SU THE BLONDE SALAD
«The Blonde Salad è in continua evoluzione, è nato come la mia casa, lo chiamavo così e poi mi ha consacrata nel mio ruolo di influencer. È stato il fenomeno, tra i fashion blogger, che ha cambiato le regole del gioco. Nel tempo si è evoluto, da blog dove raccontavo me stessa tramite i social media, è diventato un sito di moda, un life style magazine e ora un blogazine, con una parte editoriale e un e-commerce. Il fenomeno degli influencer sta crescendo tantissimo. Quando ho iniziato ero veramente una bambina, quando venivo invitata alle prime sfilate avevo ventidue o ventitre anni e c’era molta diffidenza verso la mia figura nuova, e anche io non sapevo esattamente cosa stessi facendo veramente. C’era molto snobismo. Quello che mi rende fiera ora è il fatto che sono riuscita a creare una professione totalmente nuova che adesso è molto rispettata. Grazie a tutto il percorso che ho fatto penso di aver spianato in parte la strada a tante persone. Tramite i social ora tutti sanno che puoi raccontare una storia e trovare un following e persone che amano seguirti e che vengono ispirate da quello che vuoi raccontare. Penso che questo sia molto bello e credo che gli influencer saranno sempre più presenti nella vita di tutti quanti, ma la cosa importante resta sempre l’autenticità, bisogna essere sempre autentici e non sforzarsi di comunicare messaggi che non stanno a cuore. Il fatto di essere sincere, con le proprie debolezze credo che valga tanto. Io ho sempre fatto tutto con il cuore, in maniera autentica, anche quando lavoro con un brand, che scelgo sempre tra quelli che fanno parte della mia vita. Come la mia collaborazione con Pantene, sono super-contenta di dichiararla».

SUL NUOVO VIDEO DELLA CAMPAGNA PANTENE
«Abbiamo girato questo spot a novembre ed ero incinta di 4 o 5 mesi, anche se si vede poco. A differenza di altri video doveva mostrare anche la mia forza fisica, c’era una partenza da atleta che per me era difficile. È stata una giornata bellissima, mi sono divertita, perché mi ritrovo al 100% nel concept. Credo che sentirsi sicuri di se stessi e sentirsi forti sia alla base della bellezza. Rispecchia il messaggio che voglio dare ai miei follower, la bellezza non deriva soltanto da un prodotto che usi, da un paio di scarpe, da un  abito che indossi ma da quello che sei dentro. La fiducia in se stesse è la bellezza più importante, la forza è bellezza al 100%.».

SULL’INTERAZIONE CON I FOLLOWER
«È bellissimo avere persone che ti conoscono e ti seguono. Oltre alle persone che mi fermano ovunque io sia nel mondo e che hanno un approccio super-positivo come se fossi una loro amica, dopo un po’ del resto fai parte del loro quotidiano, ricevo anche molte mail e cerco di leggerle tutte. A volte raccontano storie pazzesche di come attraverso l’esempio della mia storia alcuni hanno fatto tanti cambiamenti nella loro vita. Il bello dei social è questo: dare e ricevere positività. È quello che cerco anche da altre persone che seguo: essere ispirata da storie positive per diventare la versione migliore di me stessa. Spero che con quello che faccio riesco a ispirare gli altri. La mia è una storia semplice di una ragazza che ce l’ha fatta, che ha creduto tanto in se stessa, andando contro l’opinione di chi all’inizio non credeva in lei e alla fine ha dimostrato di poterci riuscire. Spero che questo messaggio arrivi ai miei follower e possa ispirarli in qualche modo. Da sempre lavoro solo con brand che mi rappresentano al 100% nella vita e che facevano già parte della mia quotidianità e questa è una situazione win win, che funziona da entrambe le parti. Anche se promuovo brand diversi non perdo la fiducia dei miei follower, perché qualsiasi brand che scelgo rispetta il mio modo di essere e il mio gusto, questo loro lo sanno e l’hanno visto in tutti questi anni».

SUGLI HATERS
«Le persone che storcevo il naso all’inizio sono diverse da quelle che lo fanno adesso. Una mattina, però, mi sono svegliata e mi sono resa conto di quello che facevo, faccio un lavoro meraviglioso, posso reinventarmi ogni giorno e mi invento la mia storia ogni volta che voglio e se qualcuno non capisce quando sia figo è un problema suo. È importante lottare contro il cyberbullismo, quando ho iniziato i social erano più dei siti siti ma i negati sono sempre stati all’ordine del giorno. Il segreto è imparare ad andare avanti con la tua testa e non farti mettere i piedi in testa da nessuno».

SUL LAVORO
«È una responsabilità influenzare le persone, ma finché lo fai in maniera autentica e segui sempre il messaggio che vuoi dare ai tuoi followers e se lo fai in modo onesto al 100 % non pesa. Una giornata lavorativa tipo non ce l’ho, dipende dagli impegni in agenda, sempre molto fitta. Viaggio molto e ora cerco di trovare l’equilibrio giusto con il fatto di essere mamma. Siamo tornati a Milano dopo qualche mese di pausa a Los Angeles e le giornate vanno via tra meeting e incontri con persone nuove, ci sono giorni che passo in ufficio, sul set, o a fare produzione o altri dedicati alle “pierre” e alla pianificazione. Sono un capo positivo, molto solare e ci tengo molto all’opinione di chi lavora nel mio team. La parte migliore di me? Il mio ottimismo e il fatto di credere tanto in me stessa, negli altri e nella positività della altre persone. Anche a me capita di avere momenti in cui mi sento stanca, ma amo il mio lavoro e per me è sempre molto piacevole lavorare, ma a volte ci vuole l’equilibrio giusto e prendersi una pausa dai social media, un day off, per passare il tempo come meglio credi».

SUL FUTURO
«Non so cosa farò tra dieci anni, ma il mio obiettivo è essere sempre felice come adesso, vivo di liste che si aggiornano mese dopo mese e voglio raggiungere traguardi sempre più alti, che non so adesso quali possano essere in futuro. Nella vita si va step by step».

SUI MOMENTI NO
«Strong is beautiful è uno dei miei mantra al 100%. Avete visto più o meno ogni aspetto della mia vita, sono molto onesta e genuina con il mio pubblico. Credo che sia importante far vedere gli ups and downs. È giusto mostrare tutti i momenti della vita, anche quelli negativi, per far capire che anche se la mia vita sembra perfetta e sono super-felice in quello che faccio, è normale che io abbia dei momenti no, per eliminare dalla concezione delle persone l’idea che la mia non è una vita con alti e bassi».

getty images

 

 

More

Casa e design

I Ferragnez sono finalmente a casa

Capelli

Accessori per capelli, i più trendy per l’estate 2018

Family vip

Chiara Ferragni presenta la tata di Leone

Leggi Anche

Tendenza coloniale: dagli abiti agli accessori in stile safari

Tendenza coloniale: dagli abiti agli accessori in stile safari

Le sfumature del deserto, calde e avvolgenti, si uniscono alla comodità dei tessuti. È lo …