Home / Viaggiare / Vacanze in Famiglia / Chiara Trevisan: la lettrice vis à vis di piazza Carignano (FOTO)
Chiara Trevisan: la lettrice vis à vis di piazza Carignano (FOTO)

Chiara Trevisan: la lettrice vis à vis di piazza Carignano (FOTO)

Una donna bella e sottile, con un vezzoso cappellino sul capo, un carretto pieno di libri, e una bicicletta. “Ha un’aria molto parigina” fa notare una signora che si avvicina a curiosare.

Chiara Trevisan, la protagonista di questo quadretto, sorride e alza le spalle, “non è la prima a dirmelo”.

“Ho indovinato? È un’idea francese? Si è ispirata a qualcosa che ha visto?” insiste la signora.

“No, è un’idea mia, tutta mia.”

Ci troviamo in piazza Carignano e Chiara Trevisan veste, come durante ogni week end, i panni della lettrice vis à vis.

Chiara è un’artista di strada che ha iniziato a lavorare nell’ormai lontano 2002, portando per fiere e festival il suo primo spettacolo per uno spettatore alla volta: il Circo di Pulci, scritto per lei dal suo mentore, l’artista argentino Horacio Tignanelli.

Continuando con i microspettacoli, qualche anno dopo fu la volta di Safety Box-Pulci in sicurezza, interessante esperimento ideato e prodotto con Gae Engineering Torino. E realizzato nei cantieri, con tuta ed elmetto a raccontare la sicurezza sul lavoro a un operaio alla volta, senza allarmismi, terrore ma con le armi, ben più efficaci, dell’ironia e del divertimento.

Ma è nel 2010 che Chiara inizia a sentire la necessità di proporre al pubblico uno spettacolo tutto suo, una sua idea che la rappresenti appieno. Le serate bambine passate ad ascoltare i racconti del papà, le vacanze di famiglia con un borsone come biblioteca ambulante, e la passione per la lettura ad alta voce per sé e per gli altri, prima fra tutti sua figlia. Sono queste le radici da cui nasce l’idea della lettrice vis à vis, la lettrice che occhi negli occhi legge una pagina a uno spettatore. Una pagina alla volta per uno spettatore alla volta.

La lettrice vis à vis sperimenta e cresce fino a proporsi nelle piazze di Torino nel 2013. E da allora che Chiara porta con sé un carretto pieno di libri che lei conosce alla perfezione e da cui è in grado di estrarre sempre la lettura giusta. Un carretto che contiene editori storici ma anche tanti indipendenti, tra i primi ad appassionarsi a questo progetto, come Del Vecchio, Neo, NN, e Miraggi.

Quando un curioso si avvicina alla lettrice vis à vis, comincia lo spettacolo. La pagina da leggere viene selezionata grazie allo spirito di osservazione di Chiara, attenta nel cogliere sguardi e gesti, “intercettare le domande per strada, negli occhi e nell’atteggiamento della gente”, e grazie al Catalogo di idee, una scatola colma di foglietti che riportano citazioni, titoli, e frasi elaborate da lei stessa.

“Ne scelga 5 o 6”, chiede la lettrice allo spettatore e, in base alla scelta fatta, seleziona la pagina più adatta. Dopo la lettura vi è una breve conversazione, e poi l’artista si congeda con una cartolina, dove scrive i riferimenti del libro da cui è stata tratta la lettura e una dedica personalizzata.

Un incontro molto intenso che va oltre il semplice intrattenimento. Un viaggio emotivamente importante sia per chi legge sia per chi ascolta. Uno scambio intimo in cui gli spettatori si lasciano andare cogliendo negli occhi di Chiara  la “sospensione del giudizio”.

“Ti piacerebbe che qualcuno leggesse anche per te?” le chiedo.

“Sì”, risponde senza esitazioni.

Potete trovare la lettrice vis à vis il sabato e la domenica in piazza Carignano.

Leggi Anche

Da Venezia a Dublino. Tra horror e divertimento, la guida alla ...

Da Venezia a Dublino. Tra horror e divertimento, la guida alla …

Castelli infestati, parate di zombie, zucche intagliate e l’immancabile “dolcetto o scherzetto”. Per Halloween il …