Home / Maternità / Bambini / Come iscrivere i figli all’asilo a Milano
Come iscrivere i figli all'asilo a Milano

Come iscrivere i figli all’asilo a Milano

Per iscrivere i propri bambini agli asili nido pubblici di Milano è necessario accedere al portale online del Comune. I nidi d’infanzia accolgono i bambini dai 3 mesi ai tre anni, suddivisi per fasce d’età; mentre la sezione primavera i piccoli tra i 24 e i 36 mesi. Per frequentare i servizi all’infanzia, come ricorda il Comune, i bambini devono essere in regola con le vaccinazioni obbligatorie. Come la scuola materna e a differenza della scuola elementare, il nido non è obbligatorio.

Come iscrivere i bambini al nido comunale

Le iscrizioni per l’anno scolastico devono avvenire entro la metà di quello precedente. Ad esempio per il 20192020 le iscrizioni potevano essere effettuate dal 4 al 28 febbraio 2019. La richiesta di iscrizione al nido avviene sempre online tranne nei casi in cui: la famiglia ha in corso un trasferimento di residenza da altro comune, la famiglia non ha una iscrizione anagrafica, il bambino da iscrivere non è ancora nato. Requisito necessario all’iscrizione è la residenza a Milano di almeno uno dei due genitori (che sarà quello designato a effettuare la domanda).

Per fare richiesta d’iscrizione sono necessari documento d’identità e codice fiscale dei genitori del bambino, documentazione dell’eventuale disabilità del piccolo o di un altro componente della famiglia, eventuale dichiarazione Isee dell’anno trascorso, eventuale richiesta di residenza per chi si sta trasferendo all’interno del Comune di Milano.

Una volta compilata la domanda online sul sito del Comune, sarà necessario concludere e validare la procedura cliccando sul tasto ‘Invia la domanda‘. Successivamente si riceverà un’email con la conferma e la copia della domanda e con il numero progressivo assegnato, utile a verificare la propria posizione in graduatoria.

Le graduatorie sono pubblicate online sul sito del Comune e vengono aggiornate ogni mese, perciò, per chi è in lista d’attesa o non assegnato, sarà necessario controllarle periodicamente.

Asili pubblici vs privati

Per chi ha un Isee inferiore a un certo limite, l’asilo nido comunale è gratuito. All’interno della struttura i piccoli vengono assistiti da personale specializzato e prendono parte ad attività educative e ludiche. Normalmente per pasti e pannollini è richiesto un pagamento extra.

Gli asili privati accettano domande d’iscrizione in qualsiasi periodo dell’anno, con il solo vincolo della disponibilità di posti nella struttura. La flessibilità oraria in questa tipologia di asilo è solitamente maggiore rispetto a quelle degli asili pubblici.

Come far divertire i bambini in auto

Leggi Anche

Gavirate, bambini maltrattati all’asilo nido: direttrice condannata a 3 anni e 4 mesi

Gavirate, bambini maltrattati all’asilo nido: direttrice condannata a 3 anni e 4 mesi

La direttrice dell’asilo nido “Imparare è un gioco” di Gavirate, in provincia di Varese, è …