Home / Benessere / Corpo / Consumi, Osservatorio Immagino: mandorle e avena, dalla tavola al …
Consumi, Osservatorio Immagino: mandorle e avena, dalla tavola al ...

Consumi, Osservatorio Immagino: mandorle e avena, dalla tavola al …

Mandorle e avena: dalla cucina alle creme per il corpo. Gli alimenti buoni e considerati naturali spaziano dal food al personal care e diventano protagonisti dei prodotti per la cura e l’igiene della persona. “Il beauty food è l’ultima tendenza nel mondo del largo consumo italiano”, dice l’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy che sottolinea il successo di alcuni ingredienti diventati superstar sia nel mondo dell’alimentazione che della cura della persona. Di cosa stiamo parlando? Soprattutto del successo di mandorle e avena nella cura della persona, in creme, shampoo e bagnoschiuma.

L’Osservatorio ha analizzato quasi 11.500 prodotti destinati alla cura e all’igiene della persona, distribuiti in ipermercati e supermercati. Ed evidenzia il successo di alcuni ingredienti del food anche in questo settore: “Il personal care prende ispirazione e fa suoi gli ingredienti del food – sottolinea l’ultima edizione dell’Osservatorio Immagino – Nel largo consumo italiano, infatti, sono in aumento le referenze destinate alla cura persona che evidenziano in etichetta la presenza di componenti naturali ed edibili – come mandorla e avena – che stanno spopolando anche nei reparti alimentari”. Mondo alimentare e personal care non sono distanti e incidono uno sull’altro.

Dalla mappatura delle etichette dei 11.458 prodotti per la cura e l’igiene personale, l’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy ha rilevato nove claim differenti. Alcuni accompagnano da anni l’evoluzione del cura persona e sono ben noti agli italiani – come “dermatologicamente testato” o “senza parabeni” – altri sono di introduzione più recente e rispondono a bisogni emergenti, come la presenza di argan, karitè e acido ialuronico. Ci sono poi i superfood che entrano nel beauty case. Spiega l’Osservatorio: “La novità più significativa è rappresentata dagli ingredienti “double face”, ossia da quegli ingredienti che vivono un momento di tale popolarità da essere presenti sia nei reparti alimentari sia sullo scaffale del cura persona. Un’osservazione che sembra indicare come il food rappresenti l’anticamera dei fenomeni che arriveranno poi a conquistare anche il mondo del cura persona e del cura casa. La fama positiva degli alimenti di cui si parla maggiormente grazie alle loro valenze salutistiche (come l’avena e le mandorle) e la loro immagine di prodotti naturali (e, dunque, genuini) li accompagna anche quando vengono utilizzati in creme per il corpo e shampoo. E i prodotti per la cura personale che li evidenziano sull’etichetta sembrano beneficiare di questo effetto positivo, registrando vendite in crescita, talvolta anche molto significativa”.

Fra i prodotti di maggiore successo ci sono quelli con l’avena, che aumenta la sua presenza non solo nell’offerta alimentare ma anche nella cura delle persona: i prodotti che la evidenziano in etichetta rappresentano l’1% di tutti quelli monitorati ma vedono crescere il loro giro d’affari del 39,1% nell’anno terminante a giugno 2017. A determinare il boom dell’avena sono soprattutto i consumatori delle regioni meridionali, dove la crescita è stata pari a +67,2%. Dalla cucina alle creme è anche il passaggio delle mandorle. Queste sono presenti nel 2,8% dei prodotti beauty censiti dall’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy. Un successo nel personal care che ricalca quello riscosso dalle mandorle anche nel mondo alimentare. Le mandorle rappresentano infatti l’alimento “benefico” più dilagante nell’offerta del largo consumo italiano: tra quelle vendute al naturale e quelle usate per nobilitare altri prodotti compaiono nell’1,2% dei prodotti alimentari, che generano l’1% delle vendite totali.

Leggi Anche

Trattare la pelle del corpo dopo l'estate con Biofficina Toscana

Trattare la pelle del corpo dopo l’estate con Biofficina Toscana

A fine estate troviamo la nostra pelle secca e squamata a causa dell’esposizione ai raggi …