Home / Shopping / Abbigliamento / Dettagli teatrali: accumuli e finiture, lo stile di Alessandra Facchinetti
Dettagli teatrali: accumuli e finiture, lo stile di Alessandra Facchinetti

Dettagli teatrali: accumuli e finiture, lo stile di Alessandra Facchinetti

Come stilista non ha mai nascosto la passione viscerale per i dettagli. Aggiungere piuttosto che togliere.

Che siano un gioiello o un plissé. E non ci si stupisce certo davanti a un’ammissione di colpevolezza come questa: «Mai letto Il magico potere del riordino e mai ho buttato via qualcosa dal mio guardaroba, sin da quando avevo 16 anni».

Armadio che poi è diventato una stanza e ora due, sempre in ordine però, naturalmente. Perché Alessandra Facchinetti, 45 anni, è l’eleganza curata e ricercata fatta a persona.

Fuori e dentro. In abiti e pensieri.

Il suo capo preferito? Un cappotto Miu Miu di 25 anni fa. «Non c’è inverno che non lo indossi almeno una volta.

Ricordo il giorno esatto in cui lo disegnai in un stanza piena di luce». Eccola la donna che è, in un dettaglio.

Alessandra Facchinetti, dettagli teatrali

Alessandra Facchinetti, dettagli teatrali

Alessandra Facchinetti, dettagli teatrali

Alessandra Facchinetti, dettagli teatrali

Alessandra Facchinetti, dettagli teatrali

Alessandra Facchinetti, dettagli teatrali

Onori e nomine, la fuga dagli Usa

Vissuto, emozioni, tempo infinito, sfide. Non c’è stilista che abbia un curriculum come il suo, fra onori (le nomine) e oneri (gli allontanamenti): Marangoni e poi, appunto Miu Miu, Gucci prima principessa alla corte di Tom Ford e poi regina, a seguire Valentino, e Moncler e Uniqueness per Pinko e Tod’s.

Dopo un anno di States («Sono scappata, non è il Paese che fa per me»), oggi ha riaperto la sua libera factory in libero (e popolare) quartiere, in via Meda, Milano, zona di cuochi stellati e artisti, con la determinazione che solo una sana e consapevole «versatilità» salva la moda dall’omologazione e dalla noia. Così oggi eccola creare per altri, un gruppo cinese, collaborazioni varie e ora l’esperienza in teatro.

Costumista del «Don Carlo» di Nicola Berloffa, in scena sino alla fine di febbraio a St. Gallen in Svizzera.

Ancora un mondo e un linguaggio nuovi.

.

Leggi Anche

Gonna in jeans estate 2019

Gonna in jeans estate 2019

Il capo femminile per eccellenza, insieme al tessuto icona della modernità: la gonna in jeans …