Home / Benessere / Donna terminale si spara dopo aver lasciato una lettera al canile per il suo cane
Donna terminale si spara dopo aver lasciato una lettera al canile per il suo cane

Donna terminale si spara dopo aver lasciato una lettera al canile per il suo cane

Una donna terminale che stava combattendo con il cancro e sentiva di non poter più lottare voleva assicurarsi che il suo amato cane finisse nelle mani giuste dopo la sua morte. La donna successivamente identificata dalla polizia quando Crystal Chrisp, 46 anni, è stata trovata nel suo appartamento con una ferita da arma da fuoco che ha causato la sua morte. Questa è stata la seconda volta che Chrisp ha combattuto contro il cancro, dopo che è guarita la prima volta.

Quando il suo cane Shell fu portato al canile per animali Stray Rescue di St.Louis, lo staff notò che insieme al cane c’era una lettera scritta a mano, cosa che lasciò tutti confusi e perplessi all’inizio.

La lettera spiegava i problemi di salute della donna e il modo in cui lei non poteva più prendersi cura della dolce Shell, quindi stava supplicando il canile per gli animali di prendersi il cane e fare del loro meglio per trovarla una casa amorevole. È triste e ammirevole la preoccupazione principale di una donna che sta trascorrendo i suoi ultimi giorni di vita sia per il benessere del suo cane dopo la sua morte.

Fonte: Facebook / Stray Rescue of St. Louis
La lettera che accompagnava Shell al rifugio Stray Rescue.

Il cane apparteneva prima alla madre di Chrisp che l’ha adottata nel 2009. Tuttavia, ha lottato con vari problemi di salute tra cui l’Alzheimer, ed è stato impossibile per lei mantenere il cane, e questo è quando Crystal ha deciso di adottarlo. Da allora, Shell è diventato il suo migliore amico e il suo compagno più fedele. La descrive come un dolce cagnolino che potrebbe avere problemi di fiducia all’inizio, ma una volta che si mette a proprio agio, diventa molto socievole, è la creatura più adorabile con cui passare il tempo.

Fonte: Facebook / Frank Somerville KTVU
Crystal Chrisp, il precedente proprietario di Shell, aveva 46 anni quando morì.

Chrisp ha lavorato come autista di autobus della metropolitana per 18 anni e tutti i suoi colleghi hanno solo parole di elogio per lei come persona. Una collaboratrice di nome Sharon Hyster-Harris dice:

“Era mia amica e mi mancherà. Il mio cuore è davvero doloroso per lei adesso. Alcuni mesi fa è tornata. Penso che abbia appena deciso che non potrebbe più occuparsene. “

Fonte: Facebook / Stray Rescue of St. Louis
Shell è stato consegnato a Stray Rescue of St. Louis.

Tutti quelli che la conoscevano ricorderanno Chrisp per la sua gentile anima e il suo cuore d’oro. Era una persona compassionevole sempre pronta a offrire una mano.

Fonte: Instagram / strayrescuestl
Shell è in buone mani adesso, con un nuovo essere umano che si prende cura di lui.

Il rifugio per animali Stray Rescue ha pubblicato un aggiornamento sul caso Shell su Instagram dicendo che ora ha trovato la sua casa perfetta.

“Abbiamo un lieto fine alla storia #tragic di Shell. Come molti di voi sanno, lunedì abbiamo ricevuto un #heartbreaking #letter. Shell venne a Stray Rescue dopo che il suo padrone morì. Poi, una meravigliosa signora ha visto la notizia e sapeva che era giunto il momento per lei di adottare dopo aver perso il suo cane Stray Rescue Trenton, a luglio. Si sentiva così attratta da lei. Senza perdere tempo, ha compilato una domanda ed è stata qui la mattina successiva. I due hanno si sono incontrati e lei sapeva che era la decisione giusta. Dice che #Shell si è già ambientata nella nuova casa e che sono inseparabili. Siamo onorati di aver esaudito il desiderio finale della sua mamma, che non è più con noi. Promettiamo che sarà viziata per il resto della sua #life. “

 

Condividi questa triste storia con i tuoi amici e diffondi l’amore di questa donna che aveva per il suo cane.

Leggi Anche

Salute della donna, arrivano le "beauty social angels"

Salute della donna, arrivano le “beauty social angels”

Avellino.   Successo per la prima giornata dedicata alla salute della donna, dal titolo “Mamma: chi …