Home / Maternità / Furto di smartphone nel reparto di ginecologia del “Maggiore” di …
Furto di smartphone nel reparto di ginecologia del "Maggiore" di ...

Furto di smartphone nel reparto di ginecologia del “Maggiore” di …

La vittima è una giovane donna

Nella serata di martedì una volante della polizia di Modica è intervenuta all’ospedale di Modica, reparto di ginecologia, per la segnalazione del furto di un telefonino. Una giovane donna, che era andata nel reparto per fare visita ad una paziente, nell’attesa che la corsia aprisse alla visite, si era intrattenuta nella sala d’aspetto e dopo essersi recata in corsia a trovare la degente ritornava sui suoi passi in quanto aveva dimenticato il proprio telefono cellulare sulla sedia ove poco prima si trovava seduta. La donna, dopo un breve riscontro, non trovava più l’apparecchio nella sala d’aspetto ove lo aveva lasciato incustodito per un brevissimo lasso di tempo e chiedeva agli altri astanti se lo avessero trovato. Nella circostanza si insospettiva di un uomo che, peraltro, era tra i presenti poco prima, il quale le aveva chiesto se l’apparecchio fosse nuovo; questi, poco dopo, stranamente si era allontanato repentinamente dai locali, benché avesse il proprio coniuge ricoverato in reparto. Nutrendo forti dubbi e sospetti sul medesimo, la vittima chiedeva l’intervento degli operatori del commissariato di Modica.

Il personale di Polizia, con le dovute cautele del caso, cercava di chiarire al meglio la dinamica dei fatti e poco dopo il giovane sospettato dalla vittima del furto, vistosi alle strette, ammetteva di essere in possesso dell’apparecchio telefonico, seppur adducendo di averlo trovato a terra nei pressi di un distributore delle bevande. Tale versione dei fatti appariva da subito pretestuosa e poco credibile, in quanto la vittima gli aveva chiesto espressamente contezza di un telefono che aveva lascito poggiato sulla medesima sedia ove poco prima si era soffermata nell’attesa.

In commissariato si accertava che il telefono in possesso dell’uomo, un 35nne, era in effetti di proprietà della vittima che l’aveva acquistato pochi giorni prima e pertanto, dopo averlo riconosciuto, veniva formalmente restituito, mentre il giovane veniva segnalato alla competente Autorità Giudiziaria quale l’autore del furto.

Stampa la notizia

Altri articoli della redazione

Leggi Anche

Ginecologia di Reggio, dopo la denuncia del M5S approfondimenti ...

Ginecologia di Reggio, dopo la denuncia del M5S approfondimenti …

Approfondimenti in corso sul nuovo primario di Ginecologia agli Ospedali Riuniti individuato in Stefano Palomba. …