Home / Benessere / Corpo / Gender, di cosa stiamo parlando?
Gender, di cosa stiamo parlando?

Gender, di cosa stiamo parlando?

Marcel Mauss nel 1936 dava alle stampe Les techniques du corps, un testo breve dove sosteneva che il corpo è uno strumento e che esistono differenti modi di utilizzare – nella pratica oppure simbolicamente – il proprio corpo. Le tecniche del corpo sono “i modi in cui gli uomini, nelle diverse società, si servono, uniformandosi alla tradizione, del loro corpo”. Michela Marzano, nel suo Papà, mamma e gender (Utet, 2015) ricorre a Mauss con riferimento al modo di utilizzare il corpo per camminare, differente fra americani e polinesiani. Citazione fugace, ma che vale l’intero saggio.

Limitiamoci a questo, allora. Un testo sul gender invecchiato di quattro anni è quantomeno inattuale e allora non scriviamo oltre del testo di Michela Marzano, ma utilizziamolo per chiederci perché mai si dovrebbero temere i generi sessuali differenti da quello etero.

Cominciamo dalla donna. “Nonostante il ruolo sociale che hanno cominciato a occupare, ancora oggi alle donne capita di incontrare uomini che pensano che, siccome sono donne, possono essere interrotte o prese in giro. Oppure uomini che pensano che, da quando sono stati rimessi in discussione i ruoli di genere, niente vada più bene: le donne non si occupano più dei figli”, scrive la Marzano e aggiunge “Si continua a pensare che una donna manchi, per definizione, di alcune competenze chiave come l’autostima, la capacità di separare la sfera lavorativa dalla sfera affettiva, la leadership. Fino a supporre che le virtù femminili per eccellenza siano quelle che esprimono nella cura dei figli e nella gestione della casa”. Non esiste una normalità eterosessuale, esistono norme vestite di eterosessualità. Sono le norme della società disegnata dagli uomini, quelle che pongono ai margini i differenti generi sessuali e quelle che costringono le donne nel loro ruolo ancillare, riproduttivo e materno.

Passiamo all’omosessualità e rifacciamoci a Michel Foucault per come lo ricorda Michela Marzano “Si tollera che due ragazzi se ne vadano insieme a dormire nello stesso letto, ma se la mattina dopo si risvegliano col sorriso sulle labbra, si tengono per mano, sia abbracciano teneramente, e affermano così la loro felicità, questo non glielo si perdona”. Quello che una norma eterosessuale maschile può tollerare è il vizio, ma non la legittimità delle differenti sensibilità.

A chi fa paura il gender? La risposta è agli uomini, meglio ancora, alla società che è stata normata dagli uomini. Che non muta di verso, nonostante lo sforzo di molte e molti perché come scriveva Jean-Paul Marat ne Les Chaînes de l’esclavage “Le persone considerano solo la corteccia delle cose e soffrono pazientemente il giogo, purché non sia troppo evidente”.

Leggi Anche

Avon diventa brasiliana: i cosmetici «porta a porta» comprati da Natura Cosméticos per 3,7 miliardi

Avon diventa brasiliana: i cosmetici «porta a porta» comprati da Natura Cosméticos per 3,7 miliardi

L’azienda di cosmetici brasiliana Natura ha annunciato l’acquisto della concorrente americana Avon per circa 3,7 …