Home / Gossip / Cinema / I crimini di Grindelwald potrebbe essere il film più importante dei …
I crimini di Grindelwald potrebbe essere il film più importante dei ...

I crimini di Grindelwald potrebbe essere il film più importante dei …

Per la prima volta il nuovo film dell’universo di Harry Potter, Animali fantastici: I crimini di Grindelwald (in uscita in Italia questa settimana) introduce elementi potenzialmente di grande svolta. Si parla ovviamente di dettagli della trama e rivelazioni che arrivano verso la fine del film, dunque da qui in poi ci saranno diversi spoiler.

Siete avvertiti.

Animali fantastici: I crimini di Grindelwald potrebbe essere il film commerciale più importante dei nostri anni se davvero, come sembra, ha al cuore del proprio intreccio una storia omosessuale che coinvolge i personaggi più importanti e riveriti del mondo di Harry Potter.

Come già dichiarato dalla scrittrice dei libri (e di questi nuovi film) J. K.

Rowling, il personaggio di Albus Silente è gay. Era stata una dichiarazione di qualche anno fa, che sembrava una maniera di rivedere le proprie opere alla luce dei diritti omosessuali, ma in questo film passa ai fatti.

Verso la fine di I crimini di Grindelwald veniamo a scoprire che il massimo del bene (Silente) e il massimo del male (Grindelwald) si conoscono. E molto bene.

Quel che viene suggerito dalle immagini (ma non detto dalle parole) è che i due hanno avuto una storia d’amore. Hanno un oggetto, centrale nella trama, che li lega e un tipo di prossimità che sembra proprio strizzare l’occhio a un legame romantico.

Sono segni e simboli a cui il cinema ci ha abituato: due personaggi che si guardano in un certo modo o che sospirano in un certo modo pensando gli uni agli altri, sono legati romanticamente.

Per quanto l’omosessualità sia stata sdoganata al cinema, non lo è davvero nei megablockbuster mondiali (il motivo è semplice: già da noi non è proprio accettata da tutti, nel resto del mondo anche meno).

In queste grandissime produzioni i gay sono (quasi sempre) personaggi marginali, spalle o macchiette, non sono quelli con cui ci si identifica, non hanno una trama importante, non influiscono davvero nel film.

Soprattutto questo non avviene mai nel cinema per l’infanzia, in cui al massimo si allude all’omosessualità.

Neanche l’audace Pixar ci ha mai provato e quando la Disney ha solo vagamente accennato all’omosessualità di un personaggio marginalissimo del suo nuovo adattamento di La bella e la bestia (roba da 2 secondi di immagini sullo schermo) si sono alzati subito gli scudi.

<img style="max-width: 760px" src="http://www.

donnatop.com/wp-content/plugins/OxaRss/images/38e4da8485e06bfd424e1e3e763a75a9_albus-dumbledore-wallpaper-hogwarts-professors-32796646-1024-768-1542367838.

jpg” />

La saga di Animali fantastici non è propriamente cinema per l’infanzia ma comprende di certo i preadolescenti nel suo grandissimo target. La storia (già a partire dal film precedente) si svolge circa 80 anni prima degli eventi che hanno coinvolto Harry Potter, cioè negli anni 20.

Protagonista è Newt Scamander, un mago zoologo che studia animali magici. In un viaggio a New York perde la sua valigia piena di animali, che vengono liberati per la città.

Nel tentativo di recuperarli si imbatte in diversi personaggi, amici, aiutanti e una ragazza, scoprendo che uno dei maghi oscuri più pericolosi del suo tempo (Grindelwald) è in piena attività.

Al termine di quel film vediamo il mago (interpretato da Johnny Depp) arrestato dalle autorità del mondo magico.

All’inizio di questo nuovo film, che ne è il sequel, evade ed è di nuovo a piede libero.

In I crimini di Grindelwald scopriamo quindi che, come sempre in J.

K. Rowling, la parte del bene e quella del male sono intimamente intrecciate.

Del resto Voldemort aveva dei trascorsi con la famiglia di Harry Potter e un legame con lui stesso, e ora Grindelwald ha un legame con Silente, l’unico personaggio (al momento) presente sia nella serie di avventure di Harry Potter che in queste. È ovviamente molto più giovane e interpretato da Jude Law con tutto il judelawismo di cui è capace.

<img style="max-width: 760px" src="http://www.donnatop.

com/wp-content/plugins/OxaRss/images/38e4da8485e06bfd424e1e3e763a75a9_rev-1-fbcog-tsr-020-high-res-jpeg-1542299380.jpeg” />

Qui inizia a diventare uno dei personaggi centrali di questa saga in 5 film (ne sono usciti 2), dopo essere stato l’autorità più importante di Harry Potter nei 7 libri e 8 film che lo hanno riguardato.

Però un conto è dire che Silente è gay, un conto è farlo vedere. Se davvero questa sottotrama dovesse essere proseguita senza allusioni ma con chiarezza e evidenza, si tratterebbe del primo caso in assoluto in cui un personaggio noto, amato e simbolo della positività intrattiene sullo schermo una relazione omosessuale con un altro personaggio centrale in una grande saga vista da milioni di persone.

Al momento è abbastanza normale che un dettaglio simile sia solo accennato. J.

K. Rowling già in Harry Potter ha abituato lettori e pubblico a disseminare indizi per poi svelarli in opere successive, rientra nel suo stile narrativo.

Non è quindi ancora chiaro come l’argomento sarà trattato in questa saga, se cioè sarà una storia palese, un romanticismo aperto simile in tutto e per tutto alla maniera in cui è trattato il romanticismo eterosessuale, o se resterà qualcosa di nascosto, a cui si allude soltanto.

Questo dettaglio farà tutta la differenza del mondo, visti i personaggi in gioco, e non potrà essere ridotto a scelta artistica, visto il peso.

Alludere e non dire nulla apertamente infatti sarebbe ripetere quel che accadeva negli film degli anni 50, il modo in cui ne La gatta sul tetto che scotta veniva suggerito il legame con “l’amico” del protagonista o quello in cui in Ben-Hur si alludeva all’omosessualità di Ben-Hur (così vago che Charlton Heston stesso non l’aveva capito).

Una volta tirato in ballo un argomento simile non può essere messo da parte, o suggerito: sarebbe un balzo indietro di 50 anni.

.

Leggi Anche

Nuovi poster promozionali per Shaft, il film arriverà direttamente su Netflix

Nuovi poster promozionali per Shaft, il film arriverà direttamente su Netflix

Ottime notizie per i fan del mitico detective Shaft e degli abbonati al servizio di …