Home / Make up / Il testamento della ballerina
Il testamento della ballerina

Il testamento della ballerina

Il testamento della ballerina – Una nuova avventura di Rodolfo Lapidario uscito dalla penna dii Manuela Fiorini.

Rodolfo Lapidario aveva appena tirato giù la saracinesca, ma aveva la sensazione che quella giornata sarebbe durata più del previsto. Da una trentina d’anni gestiva l’Agenzia di Onoranze Funebri che aveva ereditato dal padre, ma, con il tempo, l’aveva ampliata e arricchita con sale dedicate al commiato e una cappella per le funzioni religiose. Si teneva sempre aggiornato sulle ultime novità che arrivavano dagli Stati Uniti per soddisfare le richieste dei clienti più esigenti. Sì, perché i suoi erano molto, molto esigenti. Rodolfo Lapidario, infatti, aveva un segreto. Fin da quando aveva ereditato l’attività paterna, aveva scoperto di poter parlare con le anime dei defunti. E proprio con loro aveva a che fare, quando si trattava di dare alle loro spoglie mortali l’ultimo saluto. Prima di “passare oltre” – oltre dove, non lo sapeva e nessuno era mai tornato indietro per svelarglielo – volevano essere sicuri che ciò che rimaneva del loro passaggio sulla Terra fosse trattato nel migliore dei modi e secondo la loro volontà. Che spesso non coincideva con quella dei parenti. A lui toccava, quindi, di fare da mediatore, stando sempre ben attento a non svelare troppo di questo suo “dono”.

Stava passeggiando tra i locali per verificare che tutte le luci fossero spente, che l’aria condizionata fosse regolata alla giusta temperatura, che nelle sale del commiato tutto fosse in ordine quando, all’interno di una di esse, vide danzare una fiammella. Se ne stava lì, a mezz’aria. A un tratto, percepì la consueta sferzata di aria gelida, che gli annunciava la visita di un ospite. Si guardò intorno e, a un tratto, la vide. Era alta, di un’eleganza felina. Le gambe lunghe, avvolte da un fasciante abito nero e lungo con uno spacco vertiginoso. Si voltò lentamente, scuotendo i vaporosi capelli neri che le arrivavano fino alle scapole.
“Buonasera, signor Lapidario
“Buonasera a lei. Ci conosciamo?”
“Certo. Sono Corinna, Corinna Roveri”.
Lapidario deglutì. Non aveva mai visto una versione così affascinante e sensuale della signora Roveri, la novantenne di cui, da lì a due giorni, avrebbe dovuto preparare il funerale.
“Posso vedere il mio “vestito?”, disse lei, compiaciuta dallo sguardo di lui su di sé.
“Certo, le faccio strada”.

La donna camminava leggera, precedendolo di qualche passo. Arrivarono nella saletta del commiato dove le spoglie mortali della Roveri erano state preparate per il suo ultimo viaggio. Lapidario rabbrividì a causa dell’aria condizionata. Corinna lanciò una rapida occhiata.
“Chi ha scelto quell’abito? Mi fa sembrare più grassa. E il trucco? Mi invecchia!”.
“Se le fa piacere, dirò alla mia assistente di cambiare il make up…”.
“Sa che le dico? In fondo, non mi interessa. È solo un vecchio vestito, giusto?”
“Il suo ha circa 90 anni, un bel modello vintage…”
Corinna si coprì la bocca carnosa e sensuale con una mano bianca e affusolata.
“Allora, sarò sincera, non mi piace quello straccetto dimesso, preferisco indossare quello da sera rosso. Mi fa sembrare meno pallida. E dica a alla sua assistente di esagerare con il rossetto”.
La donna, che aveva scelto di assumere l’eternità l’aspetto che aveva attorno ai 30 anni, girò attorno alla versione di sé dell’ultima parte della sua vita e fece un’espressione amareggiata.
“Ho saputo che i miei nipoti hanno scelto una cerimonia semplice, senza clamori…Sa che le dico? Che dovremo ritardare il mio ultimo saluto, perché io merito di meglio. Sono stata una stella del cabaret in gioventù. Ho ballato anche al Moulin Rouge a Parigi. Mi chiamavano “l’Italiénne”, sapesse come ero ammirata…”

Rodolfo Lapidario sospirò. Avrebbe dovuto rifare tutto daccapo. E trovare un modo per raccontarlo ai nipoti della signora Roveri.
“Quelli sono ansiosi di mettere le mani sull’eredità, dal momento che non mi sono mai sposata e non ho avuto figli. Ma io conosco a malapena i loro nomi, sa? Non sono mai venuti a trovarmi, nemmeno gli auguri a Natale mi facevano. Anzi, pronunciavano sottovoce il mio nome, perché io ero “la ballerina“, quella che dava scandalo. Ho un bel regalo per loro. Il mio ultimo regalo”.
“Come vorrebbe che fosse il suo addio a questa Terra, dunque?”.
“Una grande festa! Con musica allegra, danze, roba buona da mangiare…senza badare a spese”.
La sensuale figura aleggiava leggera nel corridoio deserto.
“Voglio anche una carrozza e…voglio che siano invitate tutte le persone sulla lista…”
“Quale lista?”
“Quella che ho lasciato al mio assistente Maurice, lui è l’unico che mi è rimasto fedele per tutta la vita, che mi ha amata in maniera discreta e costante. Insieme alla lista, c’è il mio ultimo testamento olografo, le mie ultime volontà, scritte di mio pugno…L’ultimo testamento è quello che vale, signor Lapidario…E spazza via tutti gli altri. Quegli avidi dei miei nipoti stanno litigando su chi ha l’ultima versione, sa?”.
Rodolfo Lapidario dovette giurare che avrebbe contattato il segretario Maurice. Corinna Roveri minacciò di perseguitarlo fino alla fine dei suoi giorni se non avesse adempiuto alle sue ultime volontà.
“E, un’ultima cosa…dica a Maurice che anche io l’ho sempre amato. È stato l’unico uomo della mia vita, sebbene mi si attribuiscano innumerevoli e fantasiose relazioni…Nel mio cuore c’è stato e ci sarà solo lui”.

Le spoglie mortali di Corinna Roveri, 90 anni, si congedarono da questo mondo come lei desiderava: ebbe la sua festa con la musica allegra, gli invitati sulla lista, un buffet di delicatessen. A Rodolfo Lapidario parve che l’unico a essere davvero dispiaciuto per la fine della sua vita terrena fosse Maurice, nonostante l’incredibile fortuna che gli era capitata. Lo stesso Lapidario gli aveva svelato, portandogli l’ambasciata di Corinna, dove si trovava l’ultimo testamento della ballerina, quello in cui scriveva le sue volontà: tutti i suoi averi, guadagnati durante gli anni della sua scintillante carriera e fatti fruttare attraverso investimenti e acquisto di immobili, sarebbero andati all’unico uomo che le era stato accanto, amandola incondizionatamente, Maurice. I nipoti non erano nemmeno menzionati. Rodolfo Lapidario, che seguiva la bizzarra cerimonia, non poté non notare un gesto dell’inconsolabile compagno di vita di Corinna. A un tratto Maurice trasalì, si portò una mano sulla spalla, poi scosse la testa e sorrise. Alle sue spalle, con una mano diafana, una splendida donna sulla trentina, con un elegante abito nero, gli stava accarezzando una spalla.

Racconto proposto da
C.O.F. – Consorzio Onoranze Funebri Parmense

-Sede: Viale dei Mille, 108 Parma – Tel 0521.993366 / 290722 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E’ necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  – http://www.cofonoranzefunebri.com  –

Le sale del Commiato consentono ai familiari di vegliare i propri cari in un ambiente sicuro, intimo e confortevole.
Allestite con cura, semplicità, sobrietà e realizzate nel rispetto delle normative sanitarie e di legge, consentono ai parenti e amici di rendere l’estremo saluto al defunto in piena libertà e riservatezza.

Parma – Viale Villetta, 16 – Tel. 0521.960234
Monticelli Terme – Via Spadolini – Tel. 0521.659083
Collecchio – Via P.F. Carrega, 12/A- Tel. 0521.802435
Fornovo Taro – Via Solferino, 14 – Tel. 0525.39873
Felino – Via Roma, 6 – Tel. 0521.833143
Medesano – Via F. Santi, 14 – Tel. 0525.420695

43

Leggi Anche

Arancione: come si porta il colore protagonista della primavera estate

Arancione: come si porta il colore protagonista della primavera estate

Energico, solare, dirompente, forse non sempre facile, ma di sicuro effetto: l’arancione è il colore …