Home / Viaggiare / Mare e Spiagge / Isole Egadi: le spiagge più belle
Isole Egadi: le spiagge più belle

Isole Egadi: le spiagge più belle

L’amore per le isole Egadi è di quelli che si percepisce meglio a vacanza finita. Mentre sei lì, e ti godi quell’atmosfera che riesce a mantenersi vagamente selvaggia e inalterata dall’anno zero del mondo, il corpo e la mente tornano a una sorta di dimensione onirica e di devozione dell’ambiente che spesso ha il potere di lasciare senza fiato e parole, in contemplazione, anche i gruppi di giovanissimi più scatenati.

A volte ti chiedi se il paradiso è così. Di sicuro è l’elevazione al quadrato della bellezza della Sicilia, che non credevi fosse possibile.

Poi torni a casa e provi una malinconia dolcissima per quel sole, quel mare e quelle spiagge. E programmi subito una nuova vacanza lì.

Le isole Egadi danno dipendenza. Sono la meta perfetta per una vacanza stupenda.

Il mare bellissimo e dai fondali trasparenti, una flora e una fauna assolutamente senza eguali e i resti di antiche civiltà fanno di questo suggestivo arcipelago al largo della costa siciliana un concentrato di attrazioni unico, ancora non contaminato dagli eccessi e dalle storture di un turismo sfrenato e distruttivo.

Dove si trovano le isole Egadi.

L’arcipelago delle Egadi è formato da tre isole principali, Marettimo, Favignana e Levanzo, e da due minori, Formica e Maraone. Si tratta di un gruppo di isole a ovest di Trapani, uno degli ultimi avamposti del continente europeo.

I nomi delle isole Egadi rimandano ad antichi echi greci e latini, a cominciare da quello identificativo dall’arcipelago che proviene dal greco e significa “isola delle capre”.

Isole Egadi, i traghetti.

Oltre che con imbarcazioni private, l’arcipelago è raggiungibile con i traghetti di linea. Favignana, l’isola più grande, è quella dotata delle migliori infrastrutture portuali ed è collegata con Trapani, Marsala, Ustica e anche con Napoli.

Corse continue, poi, sono assicurate tra Favignana, Marettimo e Levanzo.

Isole Egadi, le vacanze.

Favignana è probabilmente l’isola delle Egadi che maggiormente ricorda le altre principali località turistiche del Mediterraneo. Con poco da invidiare a Capri, Mykonos o Ibiza, ma spiagge e cale non hanno nulla da invidiare ad altre località più rinomate e la sera è possibile cenare in uno dei tanti ristoranti in riva al mare e poi spassarsela in qualche locale caratteristico.

Decisamente più tranquille Marettimo, posta più al largo delle altre isole dell’arcipelago, e soprattutto Levanzo, che non presenta neppure una strada rotabile sulla sua superficie.

Favignana, il clima.

Battuta dai caldi venti occidentali del Favonio, da cui prende il nome, Favignana – ma in generale tutte le Egadi – gode tutto l’anno di un clima mite e non particolarmente afoso. La temperatura a Favignana d’inverno non scende mai sotto i 14 gradi, mentre in primavera e in autunno si assesta intorno ai 20 gradi e d’estate si mantiene stabilmente intorno ai 27.

Niente notti insonni per la canicola. Assieme ai grandi resort e agli alberghi di lusso, esiste anche una Favignana economica.

È anche possibile campeggiare a Favignana, così come trovare posto in pratici bed breakfast che consentono di vivere una vacanza da sogno senza spendere cifre proibitive.

Isole Egadi, le spiagge.

La risorsa turistica principale delle isole è rappresentata naturalmente dal mare. Quali sono le spiagge più belle? A Favignana, oltre che lidi e arenili molto suggestivi, ci sono grotte e cavità di rara bellezza.

La spiaggia di Cala Rossa, sul versante nord-est dell’isola, è circondata da un anfiteatro naturale fatto di scogli a picco sul mare, le cui acque assumono riflessi turchesi. È raggiungibile attraverso un sentiero scosceso, ma ne vale davvero la pena.

Da vedere anche la famosa Cala del Bue Marino, considerata un vero e proprio paradiso dello snorkeling per le antiche cave di tufo, i cunicoli sotterranei e le meraviglie del fondale che la rendono meta prediletta dagli amanti delle immersioni. Le spiagge più estese e frequentate di Favignana sono Lido Burrone e la Spiaggia di Praia, dal litorale sabbioso e molto ben organizzate, mentre decisamente meno caotica è Cala Faraglioni, a nord dell’isola, una spiaggia sabbiosa dalle acque trasparenti, accessibile solo attraverso una ripida stradina.

A Marettimo, l’isola più selvaggia e montuosa delle tre, sono da vedere Praia Nacchi, dal lido ghiaioso e raggiungibile grazie a un comodo sentiero, e Cala Bianca, una piccola spiaggetta di sassi a ridosso di Punta Troia. Occhio poi alle grotte, da Grotta del Cammello a quella della Pipa, del Tuono, del Presepioe della Perciata, dove ammirare gli straordinari giochi di luce nelle acque.

Infine, Levanzo. Cala Dogana, con il porticciolo, è l’unico borgo dell’isola, che è tutta piena di calette aspre e selvagge dove immergersi a e fare un tuffo nella natura più pura.

Tra tutti gli arcipelaghi siciliani, le Egadi sono quelle che hanno mantenuto una dimensione più umana e una natura ancora incontaminata, l’ideale per chi vuole abbinare divertimento e relax. Ma anche solo divertimento, anche solo relax.

Dalle Egadi, statene certi, nessuno torna deluso.

.

Leggi Anche

Cetraro, ritorna dal 24 al 26 maggio la terza edizione di “Prove in Mare”

Cetraro, ritorna dal 24 al 26 maggio la terza edizione di “Prove in Mare”

Cetraro (CS) – Promuovere la cultura del mare è l’obiettivo dell’associazione “Terzo Quadrante” che anche …