Home / Benessere / Corpo / La storia dei Corbella ricorda gli albori del Palio di Legnano
La storia dei Corbella ricorda gli albori del Palio di Legnano

La storia dei Corbella ricorda gli albori del Palio di Legnano

Per anni, agli albori del nostro Palio, sono stati i “fornitori” di gioielli e armi per cavalieri e dame. Oggi, la ditta Corbella, che ha chiuso l’attività negli anni 80 del secolo scorso, è stata raccontata in un libro (“Corbella fabbrica italiana gioielli ed armi da teatro”) che ha offerto lo spunto alla Commissione Costumi per proporre una conferenza in Sala Previati al Castello di Legnano.

Con la presentazione sempre ricca di dettagli storici e artistici del prof. Alessio Francesco Palmieri Marinoni e con Amanda Colombo della Galleria del Libro che ha moderato l’incontro, relatrice è stata la dott.ssa Bianca Cappello storica e critica del gioiello, docente, coordinatore e curatore di conferenze e seminari sulla Storia del gioiello e della bigiotteria.

La ditta Corbella, è stato così raccontato,  fu fondata a Milano nel 1865. Dagli inizi della sua lunga attività si specializzò nella produzione di gioielli di scena, armi e accessori, imponendosi come fornitore ufficiale del Teatro alla Scala. Firmò poi contratti con altri prestigiosi teatri di rilievo internazionale, dalla Fenice di Venezia al Costanzi di Roma al Colón di Buenos Aires. I Corbella hanno sempre operato nel settore teatrale, per poi impegnarsi nel settore della bigiotteria.

Nella serata, apprezzato intervento anche di Piersergio Allevi, architetto e storico della armi e armature antiche e del costume militare, coautore del libro dedicato ai Corbella. È stato anche consulente della Commissione Costumi del Palio di Legnano.

Prossimo incontro, giovedì 7 marzo, con la prof.ssa Donatella Barbieri, esperta del Victoria and Albert Museum di Londra., che parlerà sul significato del costume storico.

(Sergio La Torre)

Leggi Anche

Arriva Pasqua... torna Fondaco

Arriva Pasqua… torna Fondaco

Da giovedì 11 a giovedì 18 aprile (domenica 14 esclusa), ti aspettiamo in Fondazione Floriani …