Home / Benessere / Le creme anti-age fanno male… ma non per il motivo che ti aspetti
Le creme anti-age fanno male… ma non per il motivo che ti aspetti

Le creme anti-age fanno male… ma non per il motivo che ti aspetti

13 giugno 2018 – Le creme anti-age sono alla base della beauty routine di ogni donna: ci sono quelle da giorno, da notte, specifiche per il contorno occhi e per ogni tipo di pelle. Esperti del settore consigliano di applicarne generosamente, con cura e costanza, in modo che gli effetti siano rapidi e visibili. Eppure, almeno secondo uno studio della britannica RSPH, questi cosmetici avrebbero un effetto collaterale al quale nessuno ha mai pensato prima.

A provocare danni non sarebbero sostanze chimiche dannose presenti nelle creme, ma semplicemente il nome che le definisce. Parlare di un cosmetico “anti-età” porterebbe l’accento sul fatto che l’invecchiamento sia un problema, un danno al quale va posto rimedio al più presto. La proposta dell’associazione sarebbe, dunque, quella di cambiare dicitura per nominare queste creme.

I rischi che corriamo continuando a usare questi prodotti non sono legati alla salute dell’epidermide, dunque, ma a quella psicologica. L’invecchiamento è un processo naturale, e quello che dovremmo capire è che non sono rughe o piccoli inestetismi a renderci meno attraenti. Parlando di cosmetici anti-age, invece, si lancia proprio il messaggio contrario: l’invecchiamento va combattuto, è qualcosa da contrastare proprio come si fa con un virus.

Sembra poco, ma in realtà è un concetto fondamentale se si pensa a quanto, sempre più di frequente, le donne vedono sbattersi la porta in faccia mano a mano che vanno in là con gli anni. Secondo Vogue, la media dell’età delle modelle che calcano le passerelle è intorno ai 17 anni. E anche attrici del calibro di Anne Hathaway e Zoe Saldana hanno dichiarato di aver notato una diminuzione delle offerte di ruoli direttamente proporzionale al loro avvicinarsi ai trenta. Questo a conferma del fatto che nella società di oggi, la donna è considerata sempre meno attraente con il passare degli anni.

Quindi, se da un lato è un’ottima cosa prendersi cura della salute e del benessere della propria pelle, è fondamentale farlo sapendo che i naturali segni del tempo non sono un male da curare, ma qualcosa da accogliere. Mai come in questo caso, cambiando l’uso delle parole possiamo cambiare la percezione che abbiamo di noi stesse: impareremo ad invecchiare con meno ansia e con più serenità…. e questo sì, ci renderà più belle!

Leggi Anche

La trappola dell'ipocondria: se la paura di ammalarsi diventa una ...

La trappola dell’ipocondria: se la paura di ammalarsi diventa una …

Mi sono svegliata con un fastidioso dolorino alla spalla sinistra. Cosa sarà? Non ho sollevato …