Home / Maternità / Maratona di Roma : Etiopia – Etiopia con record femminile

Maratona di Roma : Etiopia – Etiopia con record femminile

Partita con la pioggia ed arrivata col sole, queste le condizioni climatiche della 25^ Maratona Internazionale di Roma, per l’occasione organizzata direttamente dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera.

Il “colpo” della giornata lo ha fatto la 22enne etiope Alemu Megertu, che vince col record femminile della manifestazione, 2:22:52. Il podio, tutto etiope, vede al secondo posto Muluhabt Tsega (2:26:41) e terzo Chaltu Negesse (2:30:45). Bene Laila Soufyane, al rientro dopo la maternità chiude al quarto posto col tempo di 2:34:54, nemmeno lontanissimo dal suo personale di 2:32:29 (Valencia 2015).

Tutto sommato più avvincente la gara maschile: vince Tebalu Zawude Hevi, tempo di 2:08:37. Anche qui l’Etiopia occupa tutti i gradini del podio. Secondo Tesfa Wokneth (2:09:17), terzo Yihunilign Adane (2h09:53). Gara relativamente tranquilla fino al km 32, quando i pacer esauriscono il loro lavoro si scatena la bagarre, che purtroppo esclude il nostro Daniele Meucci. Già in leggero ritardo al km 30, decide di ritirarsi.
Il vincitore cambia passo al km 36, qui inizia la sua progressione che lo porterà a vincere con buon vantaggio sul secondo. Interessante notare che la seconda metà della gara è stata corsa dal vincitore ben più velocemente della prima (il cosiddetto negative split), infatti dopo il passaggio al km 21,097 in 1:05:01, ha coperto la seconda mezza in 1:03:36.

Complimenti ad Ahmed Nasef: nonostante i suoi 44 anni chiude in 2:16:57, primo italiano e 11esimo assoluto.

Davvero numerosa la partecipazione alla Stracittadina, i dati riferiscono di 18.000 presenze, nella maratona i classificati risultano essere 8692, di cui l’ultima è stata Federica Stroppa che ha chiuso in 6:41:07.

Questa sera la maratona di Roma sarà trasmessa in differita su RaiSport, con inizio ore 22.40.

Leggi Anche

Svizzera, lo sciopero delle donne in viola per la parità dei diritti

L’ultima protesta del genere nel paese risale al 1991, quando mezzo milione di donne scesero …