Home / Maternità / Scherma, Coppa del Mondo 2019: Italia grande protagonista nel fioretto, spada sottotono
Scherma, Coppa del Mondo 2019: Italia grande protagonista nel fioretto, spada sottotono

Scherma, Coppa del Mondo 2019: Italia grande protagonista nel fioretto, spada sottotono

Due armi in gara nell’ultimo fine settimana della Coppa del Mondo di scherma e due bilanci opposti in casa Italia. Nel Grand Prix di fioretto a Torino gli azzurri sono stati grandi protagonisti, con una meravigliosa tripletta in campo femminile e poi il terzo posto di Alessio Foconi. Nella spada maschile a Vancouver è tornato sul podio Enrico Garozzo, ma è arrivata poi la delusione nella gara a squadre, mentre nella spada femminile a Barcellona le italiane hanno fatto male in entrambe le gare.

Partiamo dal Grand Prix di Torino, dove i campioni del mondo in carica hanno saputo confermarsi ulteriormente ai vertici. Alessio Foconi prosegue il momento magico della sua carriera e centra il terzo podio consecutivo in Coppa del Mondo dopo la vittoria di Parigi e il terzo posto di Tokyo. Alice Volpi ha invece ottenuto la prima vittoria dopo l’oro di Wuxi, dando così continuità al secondo posto di St-Maur.

Hanno un valore alto anche il secondo posto di Elisa Di Francisca e il terzo di Francesca Palumbo. La vicecampionessa olimpica con questa finale dimostra di aver ritrovato definitivamente la condizione dopo lo stop per la maternità. Palumbo bissa invece subito il risultato di St-Maur, grazie alla vittoria ai quarti contro la russa Inna Deriglazova, che resta così per la prima volta in stagione giù dal podio.

Passando invece alla spada, l’unico vero acuto del week-end è quello di Enrico Garozzo, che con il secondo posto di Vancouver pone fine ad un digiuno lunghissimo e torna sul podio nel massimo circuito dopo quasi tre anni. La speranza è che questo risultato possa sbloccarlo mentalmente e ridargli la carica per tornare protagonista a 29 anni, dopo essere stato più volte in carriera ai vertici del ranking. Garozzo non era presente invece nella gara a squadre, dove il decimo posto ottenuto da Marco Fichera, Davide Di Veroli, Andrea Santarelli e Paolo Pizzo è ben al di sotto del potenziale e va di pari passo con la prestazione deludente nell’individuale. Infine nella gara femminile a Barcellona la campionessa iridata Mara Navarria non ha trovato nemmeno questa volta il podio, uscendo agli ottavi, così come Rossella Fiamingo, che ha dato almeno qualche segnale di ripresa. Le azzurre sono state poi ancora lontane dal podio nella prova a squadre, chiudendo ottave.

 

 

alessandro.farina@oasport.it

per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
per iscriverti al nostro gruppo
per seguirci su Twitter

Foto: Bizzi Federscherma

Leggi Anche

Il Pollino in rivolta per salvare l'ospedale di Castrovillari dopo il blocco dei ricoveri in Pediatria

Il Pollino in rivolta per salvare l’ospedale di Castrovillari dopo il blocco dei ricoveri in Pediatria

Annunciano le barricate, blocchi di strade e di ferrovie, sit in romani e scioperi della …