Home / Benessere / Scuola LaFonte: il progetto Shiatsu alle donne affette da tumore al seno
Scuola LaFonte: il progetto Shiatsu alle donne affette da tumore al seno

Scuola LaFonte: il progetto Shiatsu alle donne affette da tumore al seno

La Scuola di Shiatsu LaFonte, ha conosciuto nell’estate del 2018 l’Associazione “L’Essenza – Alimentiamo il benessere” di Bergamo, che si occupa di alimentazione naturale rivolta in particolar modo alle donne a cui è stato diagnosticato il cancro al seno.

In collaborazione con tale Associazione, LaFonte ha voluto selezionare un campione di donne affette da tumore al seno e condurre uno Studio sugli effetti del trattamento Shiatsu nei confronti di tale patologia.
Scopo dello Studio è valutare l’effetto della tecnica Shiatsu nel migliorare lo stato di rilassamento e di benessere della malata oncologica, alleviandone i disturbi psico-fisici correlati alle condizioni cliniche.

L’intervento con lo Shiatsu non ha sospeso le cure mediche in corso ma è stato complementare ad esse.

Nel periodo da metà febbraio 2019 al 13 giugno 2019 sono state trattate 8 donne per un totale di 85 sedute di Shiatsu (media di 10 sedute per persona) della durata di circa 50/60 minuti ciascuna, con una frequenza di un incontro alla settimana.

Sono stati valutati i seguenti parametri prima e dopo ogni trattamento: dolore, stanchezza, nausea, depressione, ansia, sonnolenza, disturbi alimentari, problemi intestinali e problemi ormonali, utilizzando una scheda con scale di valutazione numeriche da 0 a 10 adattata dall’Edmonton SymptomAssessment Scale (Esas).

Si è evidenziato un miglioramento di tutti i parametri al termine della seduta; i risultati più significativi sulla stanchezza (diminuzione media di 1,95 punti fra pre e post-seduta), sul dolore (diminuzione di 1,18 punti) e dell’ansia (diminuzione di 1,06 punti).

Introduzione

1) Definizione della tecnica Shiatsu

Lo Shiatsu è una tecnica a mediazione corporea che origina dalla tradizione medico-filosofica cinese e che si è successivamente sviluppata in Giappone; si tratta di una disciplina complementare atta a favorire il riequilibrio “energetico” della persona.

La tecnica Shiatsu consiste nella stimolazione pressoria graduale, perpendicolare e costante dei punti del corpo situati sui meridiani energetici, individuati nei singoli casi dopo la valutazione specifica della persona a cura dell’operatore Shiatsu. La pressione viene effettuata in modo naturale con i palmi, le dita e i pollici dell’operatore che utilizza il suo peso senza sforzi muscolari. Tale azione pressoria viene esercitata in modo mai doloroso, di intensità e durata variabile in base alla possibilità di risposta della persona che riceve il trattamento.

2) Come agisce lo Shiatsu

Lo Shiatsu agisce sulla circolazione energetica del “Qi” o “Ki”.

Questo termine orientale indica una forza, comunemente tradotta in occidente con il termine “energia”, che costituisce gli esseri viventi e la natura. Nella tradizione medico-filosofica orientale, tutte le realtà materiche rappresentano una condensazione del Qi; questa energia è in continuo movimento e trasformazione, dando luogo alla naturale esistenza e mutevolezza dell’intero creato.

In modo analogo, l’essere umano è individuato come una condensazione dell’energia Qi e il suo fluire determina lo svolgimento di tutte le funzioni vitali non solo organiche, ma anche psichiche e spirituali. Il Qi scorre all’interno dei Meridiani energetici cui si riferisce l’Agopuntura cinese.

L’azione specifica della tecnica Shiatsu ripristina in modo naturale il movimento corretto del Qi e attiva le risorse naturali della persona, sia fisiche che energetiche ed emotive, favorendo l’equilibrio del complesso corpo-mente-spirito.

L’intervento dell’operatore Shiatsu è in primo luogo quello di individuare gli squilibri energetici ed agire con le adeguate tecniche; la specifica stimolazione sull’organo pelle induce, attraverso un caratteristico riequilibrio del sistema nervoso, una benefica armonizzazione anche dello stato emotivo, generando una particolare sensazione di rilassamento.

La corretta individuazione dei meridiani da trattare viene fatta attraverso il contatto manuale Shiatsu integrato da un colloquio preliminare durante il quale l’operatore utilizza anche le indicazioni della Medicina Tradizionale Cinese; si considerano, ad esempio, caratteristiche personali quali: timbro della voce, modo di parlare, colorito della pelle, segni sul viso, forma e stato delle unghie, forma del corpo.

Obiettivo

Scopo dello Studio è stato quello di valutare se il trattamento Shiatsu possa contribuire al rilassamento, al miglioramento dell’equilibrio interiore e alla sensazione di benessere generale della donna affetta da cancro al seno.

Si è voluto inoltre stimare il possibile contributo del trattamento Shiatsu per alleviare alcuni dei disturbi più frequenti delle donne affette da tale patologia che, da un punto di vista sanitario, sono sotto il controllo delle terapie farmacologiche stabilite dai medici della medicina convenzionale.

Materiale e metodi

Per lo Studio è stato selezionato un campione di 8 donne che hanno subito di recente un intervento di asportazione di cancro al seno e che sono tuttora in cura con trattamenti farmacologici e medici di tipo tradizionale e convenzionale (chemioterapia, radioterapia, terapia ormonale, ecc.).

I trattamenti Shiatsu sono stati effettuatiin modo complementare alle cure mediche convenzionali da allievi ed Operatori Shiatsu provenienti dalla Scuola di Shiatsu LaFonte.

Prima dell’inizio del progetto, è stata fatta compilare a ciascuna donna una scheda per conoscere il tipo di intervento subìto, la terapia in atto ed i sintomi maggiormente percepiti, in modo da impostare il trattamento shiatsu più adeguato.

I trattamenti di Shiatsu sono stati effettuati sulle riceventi vestite, sdraiate comodamente a terra su fouton o materassini; hanno avuto una durata di circa 50/60 minuti e si sono svolti in una sala della Scuola di Shiatsu LaFonte.

L’impostazione di ogni seduta ha previsto la valutazione individuale mediante le tecniche Shiatsu; mentre sono state escluse dal trattamento Shiatsu le zone del corpo interessate da ferite aperte, e cicatrici post-intervento. I trattamenti sono stati eseguiti con una frequenza di un incontro alla settimana, in modo consecutivo da metà febbraio 2019 fino a metà giugno 2019.

La valutazione dei parametri di esito è stata effettuata per ogni seduta, subito prima di iniziare e immediatamente dopo il termine della seduta stessa, attraverso l’uso di un questionario modificato dall’Edmonton Symptom Assessment Scale (Esas) che si riporta di seguito:

Tale questionario ha indagato sui 9 parametri sopra citati attraverso una scala numerica da 0 a 10, dove 0 indica l’assenza del sintomo/condizione esaminato mentre 10 ne indica il livello più alto possibile. La valutazione è stata effettuata tramite intervista al ricevente da parte dell’operatore.

Risultati

Hanno partecipato allo Studio 8 donne ed, in totale, sono state effettuate 85 sedute (media di circa 10 sedute per persona da un minimo di 3 a un massimo di 15).

La valutazione energetica Shiatsu ha considerato i seguenti fattori:

– sono stati trattati i meridiani più utili alla persona, individuati in base alle loro proprietà energetiche, utilizzando prima la tecnica palmare e poi la stimolazione con il pollice, come indicato nella Tabella I.

I risultati (Tabella II) indicano un generale e sostanziale miglioramento di tutti i parametri. Particolarmente rilevanti risultano i miglioramenti sulla stanchezza e sul dolore, con variazioni di circa 1,5/2 punti su una scala da 0 a 10.

Conclusioni

Questo studio evidenzia l’applicabilità e, soprattutto, l’utilità dello Shiatsu per la donna affetta da cancro al seno; i risultati indicano un miglioramento dello stato fisico ed emotivo dopo un ciclo di alcune sedute e un possibile contributo al controllo dei disturbi più frequenti.

Oltre alla quantificazione numerica degli esiti dell’intervento Shiatsu, è importante tenere conto anche delle percezioni di chi lo ha ricevuto, che si possono riassumere come segue:

a – migliore percezione somatica: le donne riferiscono di “sentire” il proprio corpo non solo come fonte di dolore, ma anche, e ancora, di sensazioni piacevoli;

b – stimolo delle risorse naturali individuali: il tono dell’umore e la vitalità migliorano dopo le sedute, favorendo il confronto anche con il proprio nucleo affettivo;

c – consapevolezza: il particolare stimolo tattile dello Shiatsu genera un rilassamento che può sostenere il nascere di riflessioni personali dei malati, incoraggiando un’elaborazione di questa fase della vita.

Si ringrazia l’Associazione L’Essenza per aver collaborato e contribuito alla realizzazione di questo interessante Studio sugli effetti dello Shiatsu, nonché le donne e gli Operatori Shiatsu che hanno vissuto questa meravigliosa esperienza umana di scambio e di relazione.

Contatti
LaFonte
Scuola di Shiatsu e Discipline Bio Naturali
Maurizio Curtaz
cell.327.2374228 – info@lafonteshiatsu.it
www.lafonteshiatsu.it

 

Leggi Anche

Qual è la dimensione ideale del pene secondo le donne?

Qual è la dimensione ideale del pene secondo le donne?

Qual è la dimensione ideale del pene secondo le donne? Ecco la risposta scientifica Qual’è …