Home / Maternità / Ventimiglia: la Carta dei diritti della bambina inserita nello Statuto comunale, la soddisfazione della consigliera Acquista
Ventimiglia: la Carta dei diritti della bambina inserita nello Statuto comunale, la soddisfazione della consigliera Acquista

Ventimiglia: la Carta dei diritti della bambina inserita nello Statuto comunale, la soddisfazione della consigliera Acquista

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato della capogruppo PD in Consiglio Comunale di Ventimiglia Patrizia Acquista.

“Il mio impegno amministrativo e associativo si è sempre caratterizzato per una particolare sensibilità e attenzione rivolta al mondo femminile. Quindi il mondo della maternità che ha per me un valore immenso.
Già presidente Fidapa (Federazione italiana donne professioni e affari) Sezione di Sanremo, nel biennio 2014/2016, mi ha visto impegnata in un mio progetto con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica contro la violenza sulle donne.
Ho  quindi commissionato un quadro “itinerante ” olio su tela (100×150) sul tema della violenza di genere e partendo da Roma con la benedizione di papa Francesco, viaggia tutt’ora per l’Italia.

L’arte della pittura è un messaggio universale, può catturare lo sguardo e il cuore in pochi attimi di attenzione.
Questa esperienza unica nel panorama delle Associazioni che operano sul territorio locale e nazionale, mi ha in qualche modo portata ad impegnarmi  in prima persona anche nella vita politica e amministrativa con la mia elezione a consigliera comunale nell’amministrazione Ioculano.
Istituita in Consiglio comunale la Commissione Speciale per la revisione dello Statuto, in qualità di Vice presidente della commissione è stato quindi naturale (aderendo alla campagna internazionale della  Fidapa BPW per promuovere la “Carta dei diritti della bambina” nelle istituzioni) chiederne l’inserimento nelle Finalità dello Statuto stesso.
Ringrazio quindi i colleghi di minoranza e di maggioranza per il lungo lavoro svolto in Commissione, che ricordo opera senza alcun compenso (gettone di presenza).

Le amministrazioni locali sono l’anello di congiunzione con i cittadini al quale sono destinati beni e servizi comuni. Tutte le associazioni che operano sul territorio nazionale e internazionale hanno come interlocutore fondamentale per le loro attività di volontariato,  le amministrazioni sia esse locali che internazionali.
La Fidapa BPW movimento femminile di opinione nata 90 anni fa, attraversando periodi di crisi  e conflitti mondiali, svolge  la propria attività di sensibilizzare e operare cambiamenti  di opinioni e stato nella società, per una società che protegge e accompagna i cittadini alla propria autodeterminazione.
La BPW International è una delle più influenti reti internazionali di donne per promuovere l’eliminazione di ogni discriminazione contro le donne per i diritti umani.
La radice della difesa della BPW è radicata nel lavoro con le Nazioni Unite dove continua la sua rappresentanza presso le sedi ONU di New York, Vienna e Ginevra, nei suoi Uffici  Regionali e nel Consiglio d’Europa.
La “Carta dei diritti della bambina ” ha come obiettivo educare alla parità, ispirata alla Convenzione ONU sui Diritti dell’infanzia del 1989.
Questo atto di inserimento della Carta nello Statuto comunale, favorirà e promuoverà iniziative integrate con le istituzioni pubbliche all’interno del mondo scolastico, le famiglie, la società e attraverso progetti dedicati e campagne di sensibilizzazione formare culturalmente bambine e bambini al fine di garantire il rispetto dei diritti umani e l’eliminazione di ogni forma di violenza e discriminazione di genere”.

Acquista Patrizia Consigliera e Capogruppo PD

Leggi Anche

Lista Gori, ritorno alle lettere per gli elettori poco «social»

Lista Gori, ritorno alle lettere per gli elettori poco «social»

Una lettera «vecchio stile» indirizzata agli imprenditori e ai professionisti della città. Soprattutto quelli che …